facebook rss

Farr 40 World Championship:
argento per Enfant Terrible-Adria Ferries,
a Claudia Rossi il mondiale Corinthian

VELA - L'ottima prestazione dell'equipaggio dell'armatore anconetano non è bastata per battere l'americana Plenty. Si festeggia comunque in casa Rossi per l'oro della giovanissima Claudia in categoria Corinthian. Padre e figlia a breve di nuovo in un'altra sfida mondiale per il J/70
lunedì 17 luglio 2017 - Ore 20:15
Print Friendly, PDF & Email

 

Alberto e Claudia Rossi

 

Il trionfo di Claudia Rossi

 

Non sono bastati gli ottimi risultati di domenica a portare sul tetto del mondo l’equipaggio di Enfant Terrible-Adria Ferries di Alberto Rossi (1-2-1-2) che, dopo un sabato difficile caratterizzato da piazzamenti a metà classifica, ha ritrovato il passo e centrato le prime due vittorie della serie al Rolex Farr 40 World Championship. La famiglia Rossi, però, festeggia ugualmente, grazie all’oro di Claudia che al timone di Pazza Idea conquista la vetta in categoria Corinthian.

Al Rolex Farr 40 World Championship di Porto Cervo, l’equipaggio di Plenty (7-4-5-1) in testa nelle altre giornate di regata, ha mostrato prestazioni meno consistenti, tanto che, all’inizio dell’ultima prova di giornata, il margine di vantaggio su Enfant Terrible-Adria Ferries si era ridotto a soli due punti: mettendo a segno l’unica vittoria della giornata. Tuttavia, l’equipaggio americano guidato da Alex Roepers è riuscito a guadagnare per la terza volta il titolo iridato della Classe Farr 40. Ad assistere l’armatore americano nelle scelte tattiche, Terry Hutchinson, che grazie a questa vittoria si proclama per la quinta volta campione del mondo Farr 40.

«Abbiamo semplicemente ricordato a tutti che Enfant Terrible non molla mai: solo ieri sera Plenty sembrava
imprendibile. Notte tempo abbiamo ricaricato le batterie, fatto tabula rasa delle delusioni patite e trovato stimoli ed energia per tornare a volare alto» ha commentato Alberto Rossi a margine della premiazione svolta presso la clubhouse dello Yacht Club Costa Smeralda.

La soddisfazione più grande per la famiglia Rossi arriva però dalla giovanissima Claudia, impegnata al timone di Pazza Idea dell’armatore Pierluigi Bresciani. Dopo un testa a testa con l’australiana Zen, l’ultima prova odierna ha portato Pazza Idea sul tetto del mondo in categoria Corinthian.

«Non ho ancora realizzato che siamo diventati campioni del mondo Corinthian, in una barca così grande, con cui ho ancora poca esperienza: è un’emozione indescrivibile. Sicuramente devo ringraziare il mio equipaggio, in particolare l’armatore Pierluigi Bresciani per avermi dato questa possibilità che ci ha portato al successo. Poi, come sempre, mio padre: incrociare con lui è una sensazione unica, se oggi avesse raggiunto quel successo che invece è solo stato sfiorato sarebbe stato il coronamento di un doppio sogno per tutta la famiglia» ha spiegato un’emozionata Claudia Rossi, già due volte campionessa europea J/70.

Nel ranking generale, a seguire Plenty ed Enfant Terrible-Adria Ferries sono stati, nell’ordine, Flash Gordon, Pazza Idea, Zen (2° Corinthian), Asterisk, Struntje Light e MP30+10 (3° Corinthian).

Tra poco meno di due mesi la famiglia Rossi si sfiderà nuovamente in un campionato mondiale: allora sarà in palio il titolo di Audi J/70 World Championship. La battaglia si preannuncia più agguerrita che mai, con già centosettantacinque imbarcazioni in entry list.

A Porto Cervo, a bordo di Enfant Terrible-Adria Ferries, portacolori del Circolo Canottieri Aniene, hanno regatato Alberto Rossi (owner-driver), Vasco Vascotto (tattico), Andrea Caracci (navigatore), Alberto Bolzan (randista), Claudio Celon (trimmer), Nicholas Dal Ferro (trimmer), Jaro Furlani (pit), Carlo Zermini (freestyler), Marco Carpinello (albero) e Alberto Fantini (prodiere-comandante). A seguire l’attività del team è stato il coach Marco Capitani, sail designer per conto di North Sails.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X