facebook rss

I richiedenti asilo al lavoro
per pulire le strade della città

ANCONA – Firmata l’intesa tra Comune e Prefettura: 19 migranti saranno impegnati in attività di volontariato civico dalla prossima settimana
giovedì 3 agosto 2017 - Ore 13:23
Print Friendly, PDF & Email

Il prefetto Antonio D’Acunto e il sindaco Valeria Mancinelli alla firma del protocollo di intesa

Migranti al lavoro per ripulire piazza Cavour, corso Garibaldi e corso Carlo Alberto. E’ il primo passo dell’intesa firmata oggi tra Comune e Prefettura per l’impiego in attività di volontariato civico dei richiedenti protezione internazionale, in attesa del riconoscimento dello status di rifugiato. Dalla prossima settimana saranno 19 i migranti saranno impegnati nelle pulizie delle strade. Il loro impiego è stato reso possibile dal protocollo d’intesa siglato questa mattina in Prefettura dal Prefetto di Ancona Antonio D’Acunto e dal sindaco di Ancona Valeria Mancinelli. In città sono presenti 598 richiedenti protezione internazionale in parte gestiti dal Comune, attraverso il programma Sprar (il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, in tutto sono 78 persone) e in parte dalla Prefettura, attraverso gli enti gestori. I migranti in carico al Comune sono già coinvolti in attività di volontariato e in tirocini di inclusione sociale. Con questo protocollo d’intesa, i migranti richiedenti protezione internazionale potranno svolgere attività di volontariato a favore della città, come occasione di coinvolgimento e rispetto reciproco. “E’ un percorso volontario e gratuito- ha spiegato il Prefetto di Ancona, Antonio D’Acunto – ma ha una valenza importante: l’impegno dei migranti in un’attività che ha un’utilità sociale e che favorisce una migliore inclusione nella città che li ospita. È utile che le istituzioni vadano avanti con unità di intenti in questa direzione”. “Il protocollo – ha sottolineato il sindaco Valeria Mancinelli – fa da cornice ad un’attività che parte proprio in questi giorni. 19 richiedenti asilo ospiti di Ancona e con in corso procedure di riconoscimento dello status di rifugiati, come altre anconetani hanno dato la propria disponibilità per il volontariato civico. Hanno seguito un percorso formativo previsto in questo senso e si impegneranno, già dalla prossima settimana nel decoro, attività culturali, sociali e di comunicazione. L’intervento prenderà avvio già dalla prossima settimana con la pulizia di corso Carlo Alberto, piazza Cavour e corso Garibaldi”. “Prende finalmente avvio questo progetto – spiega l’assessore ai Servizi Sociali Emma Capogrossi – con un primo gruppo al quale si aggiungeranno ulteriori volontari dopo aver seguito il percorso formativo e tutte le procedure previste dalla normativa. Questo consentirà di allargare l’ambito di intervento anche ad altre zone della città”. Non solo migranti e rifugiati, ad oggi sono 163 gli iscritti all’elenco del volontariato civico istituito a partire da novembre 2016, con cui i cittadini mettono a disposizione del Comune il loro tempo e le loro energie per svolgere attività socialmente utili. Di questi, 86 sono stati “attivati” ed hanno iniziato le attività. I richiedenti asilo iscritti all’elenco del volontariato civico, in 15 hanno fatto domanda nel settore tecnico (decoro, verde, ecc), 5 nel culturale, 2 nel sociale, 1 nella comunicazione (Su 19 iscritti 4 hanno fatto una scelta duplice). I primi 8 migranti al lavoro nel decoro urbano partiranno martedì 8 agosto e saranno impegnati ogni martedì dalle 8.30 alle 12.30 con un tutor. Altri 6 saranno attivi con il settore verde. Per i due che hanno fatto domanda nel sociale sono stati avviati i primi colloqui da parte delle educatrici professionali preposte ad attivare il volontariato.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X