facebook rss

Pallavolo in lutto:
è morta Patrizia Camillucci

FALCONARA - L'ex campionessa del Badiali Volley Team Rosa si è spenta a 56 anni all'hospice di Chiaravalle, consumata da una malattia incurabile. Domani pomeriggio l'ultimo saluto nella chiesa di Sant'Antonio
domenica 13 agosto 2017 - Ore 21:35
Print Friendly, PDF & Email

Patrizia Camillucci ed il suo sorriso contagioso

Ha lottato come una leonessa per tre anni, in silenzio, sempre con il sorriso sul volto, aggrappata al filo della vita e dell’amore che la legava alla sua famiglia. Alla fine, però, si è dovuta arrendere, vinta e consumata da una malattia incurabile che non le ha dato tregua. Patrizia Camillucci, stella del volley falconarese e simbolo dello sport con le compagnie di squadra della sua generazione, se ne è andata ieri a 56 anni. A stringergli la mano prima dell’ultimo respiro, sul letto dell’hospice dell’ospedale d Chiaravalle, il marito Gianfranco Fanesi, ex pallavolista di seria A, oggi dirigente della Coperlat Tre Valli e la figlia Giulia di 28 anni. Patrizia ha sofferto tanto, ma ha accettato con grande dignità la sua sofferenza. In questi tre lunghi anni la speranza di riuscire a vincere anche questa ultima partita non l’aveva mai abbandonata.

I funerali saranno celebrati domani, lunedì 14 agosto alle 15, nella chiesa di Sant’Antonio di Falconara. La salma arriverà poco prima in chiesa dall’obitorio dell’ospedale di Chiaravalle dove è stata composta. “Con la sua scomparsa lascia un vuoto incolmabile – commenta Tarcisio Pacetti, presidente del G.A.S. Gruppo Amici per lo sport, da sempre uomo di sport – Patrizia era stata un’atleta del Badiali Volley Team Rosa, e quando avevamo organizzato il Memorial Badiali, insieme alle altre ‘badialine’, era tornata a vestire con grande successo e orgoglio la maglia. Aveva un sorriso solare, lo stesso che ha fortunatamente lasciato sul viso della figlia Giulia. Purtroppo la sua grinta e la determinazione sono stati ingredienti non sufficienti per consentire di vincere l’ultima partita. E’ stata una donna di carattere, combattiva ed energica in partita, quanto dolce lontano dalla rete. Ed ha lottato con coraggio, nella vita come sul campo”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X