facebook rss

Sharper: le ricerche spettacolari
dell’Univpm hanno riempieto le piazze

ANCONA – Centro animato già dalle 17 per le tante iniziative messe in campo durante la notte dei ricercatori dall'Università politecnica delle Marche. Piazza del Papa da tutto esaurito per il concerto di Willie Peyote e la discoteca “silenziosa”
sabato 30 Settembre 2017 - Ore 17:01
Print Friendly, PDF & Email

Gli stand in centro per Sharper

Il campo antartico allestito in corso Garibaldi

Lo show della ricerca e della scienza hanno animato ieri sera Ancona. Sharper, quarta edizione della notte dei ricercatori, ha confermato l’affetto del grande pubblico per questo appuntamento europeo, andato in crescendo di anno in anno. Una notte bianca “smart” e intelligente, all’insegna della scoperta e dello studio. Corso Garibaldi e piazza Roma piene già a partire dalle 17 dei tanti grandi e piccoli intenti a curiosare tra i numerosi stand (circa 30) allestiti dalle Facoltà e dai dipartimenti dell’Università politecnica delle Marche che hanno portato in centro gli studi più affascinanti e incredibili. Negli spazi dell’Informagiovani la mostra “La Siria Perduta” con l’obiettivo di ricostruire i monumenti distrutti dall’Isis grazie ai modelli 3D e alle foto elaborate dal professore Fangi, i fantastici viaggi di Jules Verne discussi da un punto di vista scientifico dal professor Fiorenzo Conti, poi tutti in coda per sbirciare la Formula Sae, il prototipo da corsa elaborato dagli studenti di ingegneria meccanica e costruito per competere sulle piste, quindi tanti bambini a bocca aperta davanti alla ricostruzione del campo antartico, che ha mostrato attrezzature e metodi adottati dai ricercatori di biologia al Polo. Apprezzato come ogni anno il medical check up in collaborazione con l’Inrca, per controllare la propria età “biologica” e scoprire come funzionano i test diagnostici sul corpo umano. In piazza è tornato anche il laboratorio mobile della polizia scientifica, per immedesimarsi come gli investigatori sulla scena del crimine, e ancora: dal pane impastato con la farina di grillo, fino al test del Dna degli alimenti, dalla vita invisibile ad occhio nudo esplorata tramite il microscopio fino all’incredibile mondo marino popolato da microrganismi acquatici, sono stati tantissimi gli studi portati in piazza dai ricercatori Univpm che hanno catturato il pubblico. Dalle 21 la festa si è spostata in piazza del Papa per il concerto del rapper-cantautore torinese Willie Peyote, quindi il contest di video mapping, con lo spettacolo di luci e colori proiettato sulle facciate dei palazzi storici, come una sorta di “fuochi d’artificio 2.0” e per concludere ancora un appuntamento che si ripete con successo in ogni notte dei ricercatori: il ballo “smart” e intelligente, la silent disco, ovvero la discoteca all’aperto da ascoltare attraverso le cuffie senza fili, per la gioia e il rispetto dei residenti della piazza.

(foto Giusy Marinelli)

I ricercatori del dipartimento di Scienze agrarie, uno dei stand tra i più apprezzati dal pubblico

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X