facebook rss

L’Anconitana cala il poker
e si riprende la vetta in solitaria

CALCIO – Contro il Marotta finisce 4 a 0 per i biancorossi. Dopo l'inciampo contro il Castelplanio, i ragazzi di Lelli tornano in testa al girone B della Prima Categoria con 12 punti, più 3 su Staffolo, fermato 1 a 1 sul campo di Vallemiano dai Portuali
domenica 22 Ott 2017 - Ore 18:49
Print Friendly, PDF & Email

L’Anconitana scende sul campo neutro di Osimo con la nuova divisa biancorossa

 

di Giuseppe Giannini

L’Anconitana cala il poker e si risolleva al Diana di Osimo. Dopo lo stop interno della scorsa settimana, i dorici liquidano la pratica Marotta e incrementano il vantaggio sulle inseguitrici. Dopo cinque giornate i biancorossi sono soli in testa con tre punti sulle seconde. Hanno subito un solo gol (quello da tre punti del capitano del Castelplanio Cocilova) segnandone dieci. Numeri importanti. E anche l’ultima vittoria poteva essere ancor più roboante. Perché Mastronunzio che firma il 3-0 in avvio di ripresa poteva segnarne almeno un altro di testa in tuffo. Apetzeguia se ne divora un paio, uno prima e uno dopo il gol del raddoppio. Ma bastano il gol di Marengo, che apre le danze, e quello del difensore Rossi, che devia sotto misura una conclusione di Pucci nei minuti di recupero, ad affondare un Marotta che si batte fino al triplice fischio. Ma con l’Ancona scesa in campo ad Osimo era difficile fare altrimenti. Determinata sin dal fischio d’inizio la squadra di Lelli non lascia neanche le briciole agli avversari. Tiene costantemente il pallino di gioco, rischia zero (o quasi) e stravince anche senza favori reverenziali. Anzi. L’arbitro Cardelli in avvio di gara nega un rigore ai dorici e nella ripresa annulla il gol più bello del match per un presunto fuorigioco della Vipera sulla prodezza balistica di Tantuccio. Anche il Marotta protesta per un fallo in area dorica su Ricci ad inizio ripresa. Ma alla fine, anche se restano i dubbi, gli episodi non incidono sul risultato finale. L’Ancona vince e convince. La prestazione della squadra è quella che t’aspetti dopo lo scivolone del Del Conero e le geometrie di Marengo fanno pesare meno l’assenza dell’esperto Mandorino stoppata per un mese da guai muscolari. Mastronunzio è da Libro Cuore e trascina i compagni. Segna un gol, ne sfiora un paio e offre assist. L’Ancona parte forte e mette subito all’angolo il Marotta. Invoca al rigore al 3′ per fallo di mano di Pacenti in area del Marotta. Ma sul cross dalla sinistra di Bartoloni il braccio è lungo il corpo del difensore e l’arbitro lascia correre. Ma il fortino della squadra di De Filippi regge poco più di dieci minuti. Al 12′ Marengo con una rasoiata dal limite capitalizza l’azione travolgente di Bartoloni che scappa a sinistra e mette in mezzo. La palla schizza fuori dai 16 metri e il centrocampista dorico infila l’angolino basso di prima intenzione. Passano 180 secondi e l’Anconitana sfiora il raddoppio. Apetzeguia in percussione si infila in area e serve Mastronunzio che di testa appoggia sul dischetto per Bartoloni. L’esterno biancorosso calcia al volo ma la palla si infrange sul muro dei difensori. L’Ancona insiste e al 16′ Bartoloni va giù al limite dell’area piccola. Per l’arbitro è solo punizione a due in area. Valdes tocca per Mastronunzio che spara sulla barriera. Si gioca ad una sola porta. Al 19′ Apetzeguia dal limite alza sopra la traversa. Una manciata di minuti dopo ci riprova in girata senza fortuna. Ma al 36′ su azione insistita sulla sinistra la palla arriva al cubano che tutto solo si gira nel cuore dell’area e infila un incolpevole Falcinelli. Al 40′ cambio obbligato per mister Lelli. Fuori Bartoloni, tra i più positivi, per un colpo allo zigomo e dentro Cardoso. In vantaggio di due gol L’Ancona rischia al 41′ con Angiolani che neutralizza in angolo Tanfani lanciato dalle retrovie e poi sugli sviluppi del corner si alza il muro dei difensori biancorossi. Sulla respinta Apetzeguia ara il Diana e semina gli avversari in campo aperto ma poi a tu per tu con Falcinelli apre troppo l’interno sinistro e sciupa in diagonale.
Nella ripresa la musica non cambia e al 7′ azione travolgente dell’Ancona sull’asse Apetzeguia Mastronunzio che al termine delle triangolazioni col cubano riceve in area e in diagonale fulmina il portiere. E il terzo centro del capitano sempre più vicino al record di Fiorini. L’Ancona non è sazia e ci prova ancora al 10′. La Vipera va in pressione sul portiere Falcinelli e ne devia il rinvio. Apetzeguia raccoglie a destra sul lato corto e serve in area Valdes che calcia a botta sicura ma trova un super Falcinelli. Poi al 15′ Tantuccio pesca il jolly dalla distanza e al volo e insacca una respinta della difesa su corner. Un gol bellissimo annullato per fuorigioco di Mastronunzio. Ma il capitano anche fosse stato oltre la linea dei difensori non partecipa all’azione e non sembra essere nel cono visivo del portiere. Davvero un peccato. Ma c’è ancora spazio per altre emozioni. Al 20′ Apetzeguia sfiora il poker quando addomestica tra tre difensori e al volo impegna severamente il portiere. Al 33′ si fa vedere Cardoso, finalmente, con un bel cross da sinistra per Mastronunzio che di testa in tuffo schiaccia a terra ma la sfera si impenna oltre la traversa. Nonostante l’ampio vantaggio l’Ancona chiude in attacco e al 48′ sugli sviluppi di un corner Pucci infila verso una selva di gambe e Rossi trova la deviazione vincente che fissa il punteggio sul definitivo 4-0.

MAROTTA                       0
US ANCONITANA           4

US ANCONITANA (4-4-2): Angiolani 6 ; Brasili 6,5, Colombaretti 6,5, Rossi 6,5, Cesaroni 6,5; Valdes 6 (37′ st Pucci 6,5), Tantuccio 7, Marengo 7,5, Bartoloni 7 (40′ Cardoso 6); Apetzaguia 7,5 (45′ st Massei sv), Mastronunzio 7,5 (42′ st Fabrizi sv). A disp. Ruspantini, Polenta, Mandorino.

Allenatore Lelli 6,5

MAROTTA (4-3-3): Falcinelli 6; Donati 5, Cucchi 5 (22′ st Caporaletti 6), Sebastianelli 6, Pacenti 5,5; Ricci 6, Errady 5,5, Portavia 5 (13′ st Fuligni 5,5); Agostinelli 5,5(al 13′ st Tomassini 5,5), Tanfani 5 (36′ st Manfrini 5,5), Donnini 5,5 (22′ st Mezzotero 5)
A disp. Mazzanti, Paolini.

Allenatore De Filippi 5,5

Arbitro Cardelli di Pesaro 5

RETI 12′ Marengo, 36′ Apetzeguia, 7′ st Mastronunzio, 47′ st Rossi.

NOTE: spettatori 800 circa. Ammoniti Agostinelli, Ricci. Recuperi 7′ (2′ pt – 5′ st)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X