facebook rss

Coltiva marijuana in casa,
la polizia arresta manager di 45 anni

ANCONA – Gli agenti della squadra mobile di Ancona hanno arrestato il responsabile di un’azienda di spedizioni. I poliziotti hanno trovato le piante e un’intera serra per la coltivazione trovate nel suo appartamento, oltre a cocaina e hashish
giovedì 26 Ottobre 2017 - Ore 13:09
Print Friendly, PDF & Email

Le piante sequestrate dalla polizia a casa del manager

La droga e il materiale per il confezionamento delle dosi sequestrato

 

Aveva una serra per coltivare marijuana dentro casa, finisce in manette il manager della filiale di una azienda di trasporti e spedizioni. L’arresto nelle prime ore di ieri mattina, i poliziotti della squadra mobile della questura di Ancona hanno colto in flagranza di reato l’anconetano di 45 anni Corrado Pugnaloni. I poliziotti hanno prima perquisito l’uomo, trovando nascosti 3 grammi di cocaina e 11 grammi di hashish suddivisi in involucri, poi hanno esteso la ricerca con l’aiuto delle unità cinofile alla sua abitazione e nel suo ufficio nella zona industriale tra la Baraccola e l’Aspio. A casa dell’uomo è stata trovata una serra completa di igrometro, lampade e cinque piante in fioritura, alte circa 30 centimetri, hashish per 30 grammi, 50 grammi di marijuana già suddivisa in 5 dosi e cocaina per altri 3 grammi suddivisa in due dosi, oltre a tutto il materiale per il confezionamento delle dosi. Visto il ritrovamento delle droghe, il 45enne è stato dichiarato in arresto per i reati di coltivazione e detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e posto ai domiciliari, in attesa del giudizio per direttissima previsto per questa mattina.

L’arresto è stato convalidato dal giudice Alberto Pallucchini che ha anche deciso di rimettere in libertà il 45enne con l’obbligo di firma giornaliera in questura. Il processo si aprirà il prossimo 2 novembre, quando verrà dato l’incarico a un perito di esaminare la droga posta sotto sequestro. “Non ho mai spacciato in vita mia” ha detto davanti al giudice il manager, difeso dall’avvocato Paolo Mengoni.

(servizio aggiornato alle 15.45)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X