facebook rss

Conti in rosso
alla Fondazione Pergolesi:
rinviato il Rigoletto

JESI – Stagione lirica rinviata al 12 gennaio per permettere di pareggiare il bilancio. Il Cda assicura: “La progettazione del triennio 2018-2020 sarà regolare”
martedì 31 ottobre 2017 - Ore 19:42
Print Friendly, PDF & Email

 

Spese di produzione troppo alte, l’opera di Verdi è rinviata a gennaio per consentire di chiudere il bilancio 2017 del Pergolesi a pareggio. Il colpo di scena è stato annunciato oggi dal Cda della Fondazione Pergolesi Spontini. Il Rigoletto doveva aprire la stagione lirica di Jesi il prossimo 17 novembre, con replica il 19 novembre e invece sarà posticipato di due mesi: venerdì 12 gennaio alle 20,30 e domenica 14 gennaio alle 16. Il nuovo allestimento in coproduzione con i teatri di Brescia, Pavia, Como e Bergamo di OperaLombardia sarà così addebitato sul conto economico del prossimo anno, consentendo alla fondazione di non andare in perdita. “Lo spostamento del “Rigoletto” nel bilancio 2018, i risparmi sulla spesa di competenza 2017 e soprattutto la programmazione biennale da concertare con il Comune di Jesi  consentiranno sia il riequilibrio dei conti relativi all’esercizio 2017 che la regolare progettazione per il triennio 2018-2020 delle iniziative supportate dal Fus (Stagione Lirica e Festival Pergolesi Spontini)” sottolinea una nota del Cda della Fondazione, riunito oggi in seduta straordinaria per affrontare l’emergenza nei conti dell’ente teatrale. “Il consiglio di amministrazione della Fondazione Pergolesi Spontini guarda con serenità e fiducia alla chiusura dell’esercizio economico 2017 – aggiunge la nota -. Il cartellone della Stagione Lirica di Tradizione del Teatro G.B. Pergolesi di Jesi proporrà dunque lo spostamento delle tre date dell’opera “Rigoletto” di Verdi, nel rispetto delle norme e delle indicazioni ministeriali necessari al mantenimento del contributo del Fondo Unico per lo spettacolo”. Uno smacco senza precedenti per la storia cinquantennale della lirica di tradizione Jesi, che negli ultimi anni si era arricchita anche della partnership del capoluogo, proponendo un abbonamento unico per le stagioni liriche di Muse e Pergolesi. Ma mentre al Massimo dorico i due titoli in cartellone quest’anno, la Carmen e Il Barbiere di Siviglia, sono già andati in scena, a Jesi i melomani dovranno attendere. Confermato per il primo dicembre invece e in replica domenica 3 dicembre, il Caffè Bach di Giacomo Costantini, l’atto unico di “circopera” che propone la “Cantata del caffè” di Bach con l’interpretazione di giocolieri, acrobati e performer della compagnia El Grito Circo. Da giovedì 2 novembre la biglietteria del Teatro Pergolesi sarà aperta al pubblico.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X