facebook rss

Cambia il regolamento comunale,
la Mariani perplessa:
“A un anno dalle elezioni?”

OSIMO - Stamattina si è riunita la Conferenza dei capigruppo per studiare la bozza. La consigliera del Gruppo Misto evidenzia che "il Pd ha cambiato la carta che disciplina la vita democratica e istituzionale del Consiglio comunale, per ben due volte. Questa sarebbe la terza modifica durante il mandato"
sabato 18 Novembre 2017 - Ore 16:15
Print Friendly, PDF & Email

La Sala Gialla (foto d’archivio)

Oggi si è riunita la Conferenza dei capigruppo di Osimo per discutere alcune modifiche del Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale. “E’ doveroso fare una premessa – esordisce in una nota stampa la consigliera Maria Grazia Mariani – il regolamento che disciplina l’organizzazione, il funzionamento e le attribuzioni del Consiglio comunale, delle Commissioni e dei Gruppi consiliari non si cambia ad un anno dalla scadenza del mandato elettorale. Certo non è vietato. E’ solo una questione di stile, ma oramai ci stiamo abituando alla arroganza del Pd. Dal 2014 ad oggi, il Pd ha cambiato il Regolamento che disciplina la vita democratica e istituzionale del Consiglio comunale, per ben due volte. Questa sarebbe la terza modifica durante il mandato. Per carità. Non c’è due senza tre., ma l’obiettivo è sempre lo stesso: limitare gli spazi riservati alla minoranza legittimando di fatto un bavaglio alla democrazia. Le modifiche sottoposte oggi all’esame dei capigruppo sono sostanzialmente dettate dal fatto che Pugnaloni non ha più i numeri per governare”.

Maria Grazia Mariani nella Sala Gialla

Il Consiglio comunale di Osimo è composto da 24 consiglieri e con il premio di maggioranza l’amministrazione Pugnaloni appena eletto poteva contare su 15 consiglieri comunali. Ora dopo la Mariani, sono usciti dalla maggioranza anche Fabio Pasquinelli e Carlo Catena dell’Altra Osimo per costituire il gruppo di minoranza Comunità e Territorio (leggi l’articolo). “Così – prosegue la Mariani – oggi il Consiglio comunale è diviso esattamente a metà: 12 consiglieri di maggioranza (PD e Energia Nuova), 12 consiglieri di minoranza (Liste Civiche, 5 Stelle, Gruppo Misto, Territorio Comunità). Un risultato già annunciato dalla sentenza del Consiglio di Stato visto che Pugnaloni ha potuto occupare la poltrona del sindaco per soli due voti di scarto. Ora modificare il regolamento non cambierebbe nulla. Il sindaco dovrà comunque sperare che i 12 consiglieri siano sempre presenti e non abbiano mai la necessità di assentarsi neanche per andare in bagno (una delle tante modifiche proposte, disciplina anche il tempo di attesa per ripristinare il numero legale della seduta consigliare che passa da 5 a 10 minuti)”.

Secondo la Mariani, “con altri uomini ed altre stagioni della politica il Sindaco oggi avrebbe protocollato le dimissioni prendendo atto di non avere più i numeri per governare. Il Sindaco infatti non ha più né la maggioranza sociale, che sulla carta è di soli due voti abbondantemente annullati dal sopravvenuto scontento degli osimani, ma non ha più neanche la maggioranza politica in consiglio comunale. Voler governare fino alla fine del mandato a tutti i costi dimostra solo un attaccamento alla poltrona e non certo ai bisogni della Città. Questa è l’avvilente stagione politica del “cambiamento” ormai ridotto a farsa”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X