facebook rss

«Fuori i soldi»
Ma le cassiere non ci cascano
Il bandito fugge a mani vuote

ANCONA – Un rapinatore solitario e disarmato questa mattina ha cercato di farsi consegnare i contanti dai dipendenti del'ufficio postale del Pinocchio, ma davanti al rifiuto delle cassiere è scappato a piedi. La filiale era già stata nel mirino di alcuni malviventi nei mesi scorsi. L'ultimo colpo, a maggio, quando due criminali erano riusciti a portare via circa 700 euro
lunedì 27 Novembre 2017 - Ore 10:48
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri alle Poste del Pinocchio in una foto d’archivio

 

Entra negli uffici postali del Pinocchio, cerca di convincere due cassiere a dargli i soldi, ma alla fine scappa a mani vuote. Tentata rapina questa mattina nella filiale già presa di mira in passato da criminali senza scrupoli. L’ultima volta, lo scorso maggio, l’assalto di due banditi era riuscito. Oggi, è invece andata male al rapinatore solitario che attorno alle 8.30 ha fatto il suo ingresso negli uffici di via del Pinocchio 1, quando in fila c’erano già due clienti. Con il viso parzialmente coperto da uno sciarpa, il malvivente – all’incirca sui 30 anni da quanto è stato possibile intravedere dai testimoni – si è avvicinato velocemente alla prima cassa tenendo una mano nascosta nel giaccone come a voler nascondere un’arma. “Dammi i soldi, questa è una rapina” avrebbe detto all’impiegata, mostrandole una busta dove mettere i contanti. Il denaro chiesto non è mai finito nella mani del malvivente. Anche il secondo tentativo effettuato davanti alla seconda cassiera è andato a vuoto. E così, l’uomo è fuggito, facendo scattare l’allarme delle dipendenti. Sul posto sono subito piombati i carabinieri della Montagnola per i rilievi del caso e ascoltare le testimonianze dei presenti. Il bandito sarebbe scappato a piedi e non è escluso che possa essere un tossico in cerca di pochi spiccioli per acquistare la quotidiana dose di droga.

(servizio aggiornato alle 15.33)

Rapina alle poste del Pinocchio, fuggono con 700 euro

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X