facebook rss

Castelfidardo istituisce il registro
per il testamento biologico

ETICA - Ieri l'aula ha approvato con i voti favorevoli del Pd e del M5S e l’astensione di Solidarietà Popolare, la mozione presentata dal consigliere Lorenzo Catraro (Cittadini attivi per Castelfidardo-Uniti per Castelfidardo)
venerdì 1 Dicembre 2017 - Ore 19:33
Print Friendly, PDF & Email

Il consiglio comunale di Castelfidardo 

Il consigliere Lorenzo Catraro

Ieri, 30 novembre, il Consiglio comunale di Castelfidardo ha approvato, con i voti favorevoli del Pd e del M5S e l’astensione di Solidarietà Popolare, una mozione presentata dal consigliere Lorenzo Catraro (Uniti per Castelfidardo) che impegna la Giunta comunale ad istituire un registro dei testamenti biologici (detto anche più propriamente dichiarazioni anticipate dei trattamenti sanitari). “Tramite questo registro e queste dichiarazioni anticipate dei trattamenti sanitari – fa sapere una nota stampa l’associazione Luca Coscioni – si darà la possibilità ai fidardensi di depositare le proprie volontà sul fine vita all’interno dell’istituzione comunale, uno strumento questo che, può significare per molti la possibilità di decidere cosa vuole nel momento in cui non si è più in grado di autodeterminarsi, nella eventualità che ci si trovi in uno stato vegetativo permanente e di incoscienza e non vedersi costretti ad accettare decisioni altrui. E’ un tema etico estremamente delicato , perché investe la parte più profonda del nostro animo , quella della vita e della morte. Ma ormai è maturata la coscienza nella gran parte dei cittadini su questo tema , e sempre più persone vogliono poter decidere. Il Consiglio Comunale di Castelfidardo lancia un messaggio importante sulla via dei diritti civili e si allinea alle decine e decine di comuni italiani nei quali si va a tutelare il diritto all’autodeterminazione delle persone nel loro fine vita, dando la possibilità di far rispettare le proprie volontà, la propria dignità e i propri diritti nel momento più critico della propria esistenza”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X