facebook rss

Centrodestra in piazza contro il caos Tari
«Silenzio vergognoso, i rimborsi
ve li calcoliamo noi»

ANCONA – Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d'Italia lanciano la campagna elettorale. Prima battaglia, il caso tassa rifiuti. "Il nostro candidato sindaco sarà presentato a giorni. Noi saremo governo trasparente e del vero cambiamento, contro chi ha nascosto la polvere sotto i tappeti rossi del Natale”
Print Friendly, PDF & Email

Da sinistra, Daniele Berardinelli, Angelo Eliantonio, Antonella Andreoli, Angelica Lupacchini

 

Caos Tari, prima battaglia del centrodestra unito in vista delle prossime elezioni comunali del 2018. Tutti schierati i rappresentanti di Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia contro quello che denunciano come il “comportamento vergognoso del sindaco, che mente o non sa amministrare”. Il centrodestra anticipa che sarà in piazza Roma con un gazebo nei prossimi giorni, le date sono da stabilire, per aiutare i cittadini a calcolare i rimborsi da pretendere per l’errore di calcolo del Comune. “Altro che i 30 euro dichiarati dalla Mancineli, qui parliamo di un minimo di 45 euro fino ad un massimo di 135 euro all’anno per chi ha tre pertinenze, e i rimborsi valgono per 4 anni, dal 2014 ad oggi” dichiara il capogruppo Fi Daniele Berardinelli. Dove prenderà i soldi il Comune? Contro il rischio stangata per tutti, il consigliere Berardinelli è categorico: “Non sono possibili aumenti della tassa rifiuti per chi finora ha pagato il giusto, l’ha escluso anche il governo rispondendo ad una interpellanza in Parlamento. L’errore è del Comune, non lo possono pagare i cittadini. Allora, o il governo stanzia un fondo per tutte le città che hanno male interpretato la legge, cosa che sarebbe una mazzata per i conti dello Stato, oppure la Corte dei Conti chiamerà a pagare i consiglieri comunali di maggioranza che quell’errore di calcolo lo hanno votato in Consiglio comunale – aggiunge Berardinelli -. La prima firma di quell’errore è del sindaco Valeria Mancinelli, è stata lei a presentare l’emendamento al regolamento comunale della tassa rifiuti per far pagare la quota variabile a pertinenze e garage. La responsabilità politica è certa”. Berardinelli riproporrà la questione anche in Consiglio comunale lunedì. “Il Ministero aveva consigliato un accantonamento del 5 per mille all’anno come fondo prudenziale. E’ stato fatto? Si può attingere da lì per pagare i rimborsi?” incalza Berardinelli.

Da sinistra, Marco Bevilacqua, Carlo Ciccioli, Stefano Benvenuti Gostoli, Francesco Luciani e Daniele Berardinelli

Il centrodestra rinnova perciò l’invito a rompere il silenzio da parte della giunta sui rimborsi Tari, facendosi sentire con Anconaentrate, presentando i moduli prestampati per chiedere la restituzione delle cifre non dovute che si trovano anche sul sito, e poi presentandosi in piazza Roma quando sarà aperto il banchetto di “assistenza fiscale” del centrodestra per calcolare la giusta imposta sui rifiuti. “E’ vergognoso il silenzio dell’amministrazione comunale, perché è evidente la sconvenienza di aprire un dibattito sull’abuso di un errore di calcolo, in piena campagna elettorale – aggiunge Angelo Eliantonio (FdI) -. Meglio mettere la vicenda sotto i tappeti rossi di questi giorni. Noi invece facciamo appello al senso di responsabilità dei cittadini, la nostra è politica di prossimità e vicinanza per risolvere i problemi”. “Dover far subire ai cittadini anche il ricorso per ottenere il dovuto è una vessazione che implicitamente dà per scontato che non tutti lo faranno per mancanza di tempo o di energie” aggiunge Stefano Benvenuti Gostoli (FdI). Per Antonella Andreoli (FI) “non c’è nulla da chiarire: il Comune si deve attivare per la restituzione immediata e automatica delle cifre, perché è già in possesso di tutti i dati dei cittadini”. Angelica Lupacchini (giovani FdI) invita i cittadini a “non farsi abbindolare dalle panchine arrugginite del corso e dai tappeti rossi: chiedere il rimborso è nel vostro interesse dei cittadini”. Il caso Tari è per Carlo Ciccioli (FdI) la prima battaglia di una lunga campagna elettorale del centrodestra unito. “Mancinelli ha avuto mano libera, ma il tempo è scaduto. Torneremo numerosi in questa sala giunta per rimettere ordine e per mettere fine allo stile da trucco e parrucco di questa amministrazione” ha dichiarato Ciccioli, anticipando già entro Natale la presentazione del candidato sindaco del centrodestra.

Da sinistra, Antonella Andreoli e Angelica Lupacchini

“Questo governo comunale si è contraddistinto per arroganza e incompetenza” aggiunge Francesco Luciani (Lega Nord). “Rotatorie e asfalti non sono investimenti, mentre la città è sempre più povera di servizi, ha sempre più disoccupati e con tasse maggiori”. “Noi saremo il governo del fare trasparente, metteremo al corrente sempre i cittadini di tutto quello che si fa dentro al palazzo” rilancia Marco Bevilacqua (Le Nord) lanciando l’obiettivo per il Carroccio di Ancona, il debutto in Consiglio comunale nelle prossime elezioni, come forza di maggioranza.

 

Caos Tari: rimborsi e rischio rincari Mancinelli: «Pagheremo senza bisogno di fare ricorsi»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X