facebook rss

«Cerco una donna ferita»,
ma sbaglia ospedale e scoppia il caos
Al Salesi arriva la polizia

ANCONA – La bagarre è scoppiata questa mattina al materno infantile di via Corridoni, quando un uomo ha iniziato ad inveire contro il portiere per sapere in quale reparto fosse una dottoressa. Alla vista della guardia giurata e delle Volanti, ha cambiato idea: “Io cerco una paziente ferita”. Alla fine, è stato allontanato
mercoledì 3 Gennaio 2018 - Ore 16:04
Print Friendly, PDF & Email

L’ospedale Salesi

 

Prima ha chiesto in quale reparto poteva trovare una dottoressa, poi si è messo a cercare una “degente ferita” in maniera concitata, urlando contro il portiere dell’ospedale Salesi in preda al nervosismo e all’agitazione.  È stato necessario il doppio intervento della guardia giurata e della polizia per mettere fine alla bagarre che si è scatenata stamane all’ingresso del materno-infantile di via Corridoni. A provocare il caos è stato un 55enne,  in mezzo agli sguardi esterrefatti di pazienti e operatori. Dopo qualche minuto di concitazione, gli è stato fatto capire che aveva cercato le persone richieste nell’ospedale sbagliato. L’uomo si sarebbe accanito contro il portiere che si trova nella guardiola a pochi passi dell’entrata. È stato lui, spaventato dal comportamento dell’uomo, a chiamare il 113 per mettere fine allo show del 55enne. In un primo momento, l’uomo avrebbe chiesto informazioni all’addetto per parlare con una dottoressa. Si è diretto in un reparto, per poi tornare all’ingresso e inveire di nuovo contro il portiere. A mettere fine a una situazione che poteva degenerare è stata una guardia giurata, supportata dall’intervento della polizia. “Cerco una paziente, una donna ferita” avrebbe detto il 55enne, cambiando la prima versione. È stato identificato e condotto verso l’uscita, non prima di avergli fatto capire che aveva semplicemente sbagliato ospedale e che sarebbe dovuto andare a Torrette. Per l’uomo non è scattata alcuna denuncia.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X