facebook rss

Un arresto, un minore rintracciato,
oltre duemila persone identificate:
la Polfer in campo nelle feste “da codice rosso”

CONTROLLI – Tra le varie attività della polizia ferroviaria dal 19 dicembre al 6 gennaio anche 8 indagati, 91 treni scortati, 531 servizi di vigilanza nelle stazioni ferroviarie e 44 servizi di pattuglia automontata
martedì 9 Gennaio 2018 - Ore 12:56
Print Friendly, PDF & Email

Il periodo che include le festività natalizie e il Capodanno è, da sempre, un momento al quale la polizia ferroviaria rivolge particolare attenzione. Le stazioni – fanno sapere dal compartimento di Polfer  per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo – diventano infatti luogo di partenza e di arrivo per un numero di viaggiatori enormemente superiore all’ordinario, che si traduce in un supplemento di lavoro per gli operatori Polfer, già particolarmente intenso in questi ultimi anni a causa dell’emergenza terrorismo dovuta agli attentati posti in essere in Europa da esponenti del fanatismo islamico. In questo scenario il compartimento Polfer per le Marche, Umbria e Abruzzo, con sede a Ancona, ha messo in campo tutte le risorse disponibili per garantire sicurezza a quanti hanno scelto il treno per spostarsi durante questo periodo di feste e raggiungere i propri cari. A testimoniare l’impegno sono i dati dell’attività dal 19 dicembre al 6 gennaio: 2.127 persone identificate (di cui 517 extracomunitarie), 8 persone indagate, un arrestato (in esecuzione di un un ordine dell’autorità giudiziaria per violazione dell’obbligo di dimora), un minore rintracciato, 91 treni scortati, 531 servizi di vigilanza nelle stazioni ferroviarie, 44 servizi di pattuglia automontata (per la vigilanza agli scali ferroviari sprovvisti di presidi fissi di polizia)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X