facebook rss

Loreto approva il bilancio:
meno Tari, più cultura e turismo

LORETO - La città mariana vede calare l’indebitamento pubblico e la tariffa per i rifiuti, mentre aumentano i fondi europei intercettati e le risorse a disposizione per investire nel turismo e nel sociale. Il sindaco: "Esercizio finanziario sano"
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Paolo Niccoletti

 

Un bilancio che prima di tutto è “sano”. Con questo aggettivo il sindaco di Loreto, Paolo Niccoletti, ha annunciato l’approvazione in Consiglio del bilancio di previsione 2018. Il documento è stato avvallato a maggioranza ieri sera e vede come principali obiettivi centrati la diminuzione della Tari e maggiori risorse destinate al sociale, alla cultura e allo sviluppo del turismo. Non nasconde la sua soddisfazione il primo cittadino che evidenzia anche come stia continuando a calare anche l’indebitamento pubblico. La città mariana ha mostrato una grande capacità di intercettare fondi pubblici, in particolare europei, come quelli recentemente stanziati – attraverso la Regione Marche – per  la riqualificazione del centro storico (circa 800mila euro) e per la via Lauretana (1.100.000 euro). Senza contare poi l’inclusione della scuola elementare Marconi nel  piano di ricostruzione post terremoto, per un impegno economico di 1,5 milioni stanziati. “Quello che dobbiamo innanzitutto registrare – ha detto il sindaco – è il segnale positivo di un’amministrazione che non solo evita di caricare i cittadini di nuovi balzelli, ma che diminuisce anche gli importi di alcuni tributi come ad esempio la Tari, che scende del 3%, anche grazie al supporto dei lauretani che hanno accolto con grande senso di responsabilità e collaborazione il nuovo sistema di raccolta porta a porta”.

Inaugurato lo scorso mese di luglio,  il nuovo modello ha raggiunto l’obiettivo del 70% di raccolta differenziata. “Siamo in controtendenza – ha continuato Niccoletti – perché andiamo a diminuire un costo laddove vediamo ovunque nei nostri territori tariffe al rialzo: questa misura sarà di beneficio soprattutto per le famiglie numerose e per le aziende. Per ora la diminuzione è del 3 per cento, ma se gli obiettivi di raccolta, come auspichiamo, cresceranno, potremo anche fare di più”. Nel frattempo si è fatto anche dell’altro: il Comune di Loreto, sottolinea ancora il primo cittadino, mostra di avere dei conti “sani”, nei quali l’indebitamento pubblico è progressivamente in diminuzione, cosa che ha permesso all’amministrazione di poter dirottare risorse significative sullo sviluppo di azioni culturali e del turismo: due veicoli fondamentali per lo sviluppo anche economico del centro mariano. “Abbiamo lavorato per avere una città sempre più attrattiva, dove il clima culturale sia di richiamo per l’esterno oltre che fattore di benessere per i cittadini. Inoltre, abbiamo dedicato numerose risorse anche al sociale, individuando 65.000 euro per progetti lavorativi di inclusione per soggetti disagiati”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X