facebook rss

Cosmari, entra anche Loreto nella srl
Via libera agli eco-indennizzi:
407mila euro a cinque Comuni

RIFIUTI - C'è l'ok dell'assemblea dei soci all'ingresso della città mariana, che verserà 540mila euro. Approvati anche i contributi che andranno a Macerata, Urbisaglia, Corridonia, Pollenza e Tolentino, più un 5% alla fondazione Giustiniani-Bandini
lunedì 29 Gennaio 2018 - Ore 22:03
Print Friendly, PDF & Email

Loreto entra in Cosmari, approvati gli eco indennizzi per 407mila euro. E’ quanto ha deliberato oggi l’assemblea dei Comuni soci, che si è riunita per la prima volta nel 2018. Quattro gli argomenti che il presidente Graziano Ciurlanti aveva inserito nell’ordine del giorno e che sono stati discussi e votati. In considerazione dei temi trattati ha partecipato ai lavori anche il notaio Benedetto Sciapichetti. In apertura di seduta approvato all’unanimità l’adeguamento dello statuto societario alle disposizioni della cosiddetta legge Madia. I lavori dell’assemblea sono proseguiti con l’aumento del capitale sociale previsto per consentire l’ingresso quale nuovo socio del comune di Loreto e conseguentemente per ratificare il programma di attuazione del servizio integrato dei rifiuti già avviato per lo stesso comune di Loreto. Avendo i Comuni rinunciato all’aumento di capitale, quindi il comune di Loreto entrerà in Cosmari srl con beni e un versamento per un totale di 540mila euro circa. Inoltre è stato approvato anche il programma di acquisizione del ramo di azienda della cooperativa “Era Ora” per il servizio di igiene urbana di Loreto, compreso il passaggio del personale in servizio, solo dopo attenta verifica del bilancio e della situazione economica pregressa della stessa cooperativa. I tre punti sono stati approvati all’unanimità. A chiudere la seduta la nota dell’Ata 3 e le relative misure compensative per l’erogazione dell’eco-indennizzo ai Comuni aventi diritto. Infatti dopo verifiche e incontri con gli interessati l’Autorità d’ambito ha disposto di erogare quanto già accantonato e relativo agli anni 2016 e 2017, sulla base dei precedenti criteri previsti dal Piano provinciale, salvo l’inserimento di una quota del 5% del totale a favore della Fondazione Giustiniani Bandini. Sono pertanto sbloccati fondi, per ogni anno, di 407mila euro ripartiti tra i Comuni aventi diritto: Macerata (43mila euro circa), Urbisaglia (12mila euro circa), Corridonia (18mila euro circa), Pollenza (96mila euro circa), Tolentino (215mila euro circa), il 5% destinato alla Fondazione Giustiniani Bandini pari a 20mila euro. Il provvedimento relativo alle misure compensative è stato approvato a maggioranza con le astensioni di Civitanova e Potenza Picena.

Rifiuti, Loreto lascia l’Ato 2 e chiede di entrare nell’Ato3 di Macerata

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X