facebook rss

Non paga il biglietto, l’autista blocca
il bus e arriva la polizia: denunciato

OSIMO - E' successo ieri al maxi parcheggio di via Colombo. Il rifugiato di 29 anni, dopo aver anche sputato sulla divisa di una poliziotta, deve rispondere di oltraggio ad un pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio e rifiuto delle generalità
Print Friendly, PDF & Email

La polizia di Osimo all’uscita del Tiramisu, l’impianto di risalita del maxi parcheggio

Rifugiato del Camerun 29enne blocca la partenza dell’autobus di linea perché si accomoda sul sedile ma non è intenzionato a pagare il biglietto. Arriva la polizia e finisce nei guai. E’ successo ieri, 4 febbraio, alle 13.45 al maxi parcheggio di Osimo. L’autista del mezzo pubblico che copre la tratta Osimo-Ancona dopo aver tentato invano di invitare il giovane straniero, E.A., e altri suoi due connazionali a dotarsi di ticket o, in caso contrario, a scendere dal mezzo, si è arreso ed ha chiesto aiuto al 113. Poco dopo è arrivata sul posto una pattuglia delle volanti del Commissariato di Osimo, diretto dal vice questore Giuseppe Todaro. Gli agenti hanno cercato di far ragionare l’unico dei tre stranieri rimasti ancora a bordo della corriera, il 29enne appunto, perchè gli altri si erano già allontanati. Il giovane però era irremovibile: voleva viaggiare senza pagare il biglietto.

Il vice questore Giuseppe Todaro

Gli agenti hanno speso parole per dissuaderlo, ma lui si è rifiutato persino di fornire le proprie generalità. Nel contraddittorio che ne è seguito, il pullman continuava a restare fermo al capolinea di via Colombo e a ritardare la partenza ormai di 40 minuti. Alla fine i poliziotti sono riusciti a far scendere lo straniero dall’autobus e l’autista è riuscito a riaccendere il motore con un’ora di ritardo rispetto alla tabella di marcia. Al giovane sono state annunciate subito due denunce per interruzione di pubblico servizio e per rifiuto di fornire le generalità. Alla fine però si è convito a consegnare i documenti ed è risultato in possesso di regolare permesso di soggiorno per motivi umanitari con residenza a Roma. Non ha spiegato il motivo per cui si trovava ad Osimo. Sembrava tutto risolto. Espletate le formalità, al momento dei saluti, il 29enne ha avuto una reazione di disprezzo ed ha sputato per due volte sulla giacca della divisa della poliziotta a fianco del collega di pattuglia. Inevitabile a suo carico anche la denuncia per oltraggio a pubblico ufficiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X