facebook rss

Rottamazione delle cartelle Ici, Imu
e Tari, Jesi apre alla sanatoria

TASSE E TRIBUTI - Il consiglio comunale ha approvato il regolamento per la definizione agevolata delle ingiunzioni di pagamento, prevista dalla legge. Gli utenti potranno estinguere il debito senza corrispondere le sanzioni, fermo restando il pagamento del tributo dovuto e degli altri accessori.
venerdì 9 febbraio 2018 - Ore 21:34
Print Friendly, PDF & Email

La sala consiliare di Jesi

Jesi dice sì alla rottamazione, prevista dalla legge, delle ingiunzioni per Ici, Imu e tassa rifiuti. Il Consiglio comunale ha approvato il regolamento per la definizione agevolata delle ingiunzioni di pagamento. Si tratta di uno strumento che permette agi utenti insolventi di mettersi in regola con il pagamento di alcuni tributi comunali a costi agevolati. “Le ingiunzioni definibili – spiega una nota stampa del Comune di Jesi – sono quelle emesse, per conto del Comune di Jesi, dai concessionari per la riscossione in riferimento ai seguenti tributi: imposta comunale sulla pubblicità, diritti sulle pubbliche affissioni, tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (Tosap) e tassa sui rifiuti giornaliera. Il meccanismo è analogo alla cosiddetta “rottamazione” delle cartelle emesse dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione (ex Equitalia) che, viceversa, riguardano per lo più Ici, Imu e tassa rifiuti”.

I debitori che hanno ricevuto ingiunzioni di pagamento non ancora pagate, se notificate entro il 16 ottobre 2017, potranno quindi “estinguere il debito – chiarisce la nota stampa – senza corrispondere le sanzioni, fermo restando il pagamento del tributo dovuto e degli altri accessori. Si tratta di circa 300 posizioni per un importo complessivo di 290 mila euro. La procedura di definizione è gestita dall’attuale concessionaria Abaco Spa, a cui andrà presentata apposita domanda entro il 15 maggio 2018. L’importo dovuto potrà essere versato in un’unica soluzione entro il mese di luglio 2018 oppure in due rate di pari importo con scadenze a luglio ed a settembre 2018. Ad ogni modo, i debitori potenzialmente interessati riceveranno a breve una comunicazione informativa”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X