facebook rss

Batticuore Lardini,
rimonta e batte Bergamo

PALLAVOLO FEMMINILE SERIE A1 - Sotto di un set, le ragazze di coach Nica trovano la forza di reagire e sconfiggono le avversarie per 3-1
Print Friendly, PDF & Email

Le ragazze della Lardini dopo un punto conquistato

 

E’ una Lardini da batticuore, che non molla mai e che alla fine si prende con merito tre punti d’oro nella sfida salvezza con la Foppapedretti. Sotto di un set, la squadra di Giuseppe Nica si ritrova con le spalle al muro, ma sa reagire con veemenza e coraggio, tornando ad esprimersi su alti livelli, ma sa anche inventarsi una fantastica rimonta (da 17-21) nel finale di terzo parziale, che scatena i 1500 cuori del PalaBaldinelli, prima di chiudere quasi con impeto. Finisce 3-1, con quattro giocatrici in doppia cifra, con Mitchem che scrive a referto 28 punti e con Hutinski che stampa 10 muri.

LA CRONACA  Lardini sprint in avvio, grazie alla buona efficacia in posto quattro e ai muri di Mitchem (5-2) e Mazzaro (8-5). Sono un paio di errori filottranesi a riportare sotto Bergamo, che mette la freccia (9-11) con il muro di Acosta (7 punti nel primo set). La Lardini prova a rimanere in scia (muro di Hutinski del 12-13), ma paga i troppi errori in attacco (5) e la Foppapedretti vola via (16-21), con Sylla che mette il sigillo al primo set. La Lardini cancella immediatamente il parziale precedente e riparte di slancio, con Mazzaro solida a muro (4-2) e Tomsia che inchioda a terra una gran difesa di Feliziani (8-5).  Da zona-uno prima Tomsia e poi Scuka (7 punti nel set con il 55%) mettono alle corde la ricezione della Foppapedretti (22-15), che reagisce con Sylla (23-20) prima di incassare il primo tempo di Mazzaro e la pipe di Scuka (25-20). Rispetto ai set precedenti è la Foppapedretti a scattare meglio dai blocchi (1-4 con Acosta e Sylla), la Lardini ricuce con i muri di Scuka (5-5) e sul nuovo allungo costruito da Popovic al servizio (6-9) è Hutinski a sbarrare la strada a muro e rimpinguare il 5-0 di break che spedisce la Lardini sull’11-9. Mitchem firma il 16-13, ma la Lardini si blocca e sugli attacchi di Acosta incassa un pesante controbreak di 6-0 che diventa di 8-1 sul muro di Strunjak. Il tabellone segna 17-21 ma la Lardini ci mette anima e cuore, Scuka e due errori la riportano sotto, Hutinski scrive a referto il quarto e quinto muro del set riportando avanti Filottrano (22-21). Dentro Malagurski (per Popovic), per alzare il muro, ed è proprio la serba a mettere giù il pallone del 22-23, situazione ribaltata da un’eccellente Mitchem (24-23). Un’invasione annulla la palla-set, Mitchem però è imprendibile (25-24) e, dopo un superbo salvataggio di Feliziani, fissa sul tabellone il 26-24 che vale il 2-1. La Lardini diventa un fiume in piena: Mitchem è devastante e dal 2-2 la formazione di Nica si produce in un allungo che la porta sul 9-2. Micoli gioca la carta Battista, che sblocca una Foppapedretti che si avvicina (9-5) con il muro di Paggi (in campo per Strunjak). E’ Sylla a caricarsi sulle spalle il peso dell’attacco (11-8), Popovic e Acosta fanno segnare il -1 (11-10). Set apertissimo, ma la Lardini torna a correre poggiandosi sul servizio di Tomsia e su una granitica Hutinski a muro (16-11). Scuka e il muro (18 in totale) accompagnano la Lardini sul 20-12, Mitchem firma gli ultimi tre punti che consegnano il successo pieno alla Lardini.

 LARDINI FILOTTRANO – FOPPAPEDRETTI BERGAMO 3-1

LARDINI FILOTTRANO: Bosio, Tomsia 7, Mazzaro 10, Hutinski 15, Mitchem 28, Scuka 11, Feliziani (L); Gamba. N.e.: Pizzichini, Agrifoglio, Taylor, Pomili. All. Nica – Quintini.

FOPPAPEDRETTI BERGAMO: Malinov 1, Acosta 19, Strunjak 5, Popovic 9, Marcon 7, Sylla 19, Cardullo (L); Battista 2, Malagurski 1, Paggi 3, Boldini. N.e.: Imperiali. All. Micoli – Turino.

ARBITRI: Piubelli – Pecoraro.

PARZIALI: 16-25 (22’), 25-20 (26’), 26-24 (24’), 25-17 (24’).

NOTE: spettatori 1500 circa. Lardini: battute sbagliate 4, battute vincenti 1, muri 18, ricezione positiva 68% (50% perfetta), attacco 35%. Bergamo: b.s. 6, b.v. 3, mu. 7, ric. pos. 57% (33%), att. 37%.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page