facebook rss

Salto in alto: bronzo mondiale
per Alessia Trost,
l’azzurra che si allena con Tamberi

ATLETICA LEGGERA - Con la misura di 1,93 metri, la friulana sale sul terzo gradino del podio degli indoor di Birmingham. Da un anno e mezzo si allena ad Ancona con Marco Tamberi, padre e coach del campione Gianmarco
Print Friendly, PDF & Email

Alessia Trost con il bronzo (foto dalla sua pagina Facebook)

 

Un salto che vale la medaglia di bronzo mondiale. Sono appena partiti i campionati indoor di atletica leggera di Birmingham e ieri sera è arriva subito la prima soddisfazione per l’Italia. Ad esultare è stata Alessia Trost che ha conquistato il bronzo nel salto in alto con la misura di 1,93 superata alla seconda prova, migliorando il suo stagionale di due centimetri. Per la quasi 25enne delle Fiamme Gialle che da un anno e mezzo si allena ad Ancona con Marco Tamberi, padre di Gimbo, è la prima volta sul podio in una rassegna globale assoluta, dopo l’argento degli Europei indoor nel 2015 e le tante vittorie a livello giovanile, con i titoli mondiali vinti da under 18 nel 2009 e tra le under 20 nel 2012. La friulana di Pordenone mette così a segno la migliore gara della sua stagione nell’occasione più importante. Fino alle Olimpiadi di Rio la friulana delle Fiamme Gialle è stata seguita dal tecnico Gianfranco Chessa, poi venuto a mancare nello scorso mese di luglio, e dall’ottobre 2016 si allena nel capoluogo dorico con Marco Tamberi. “Il cambiamento dell’ultimo anno e mezzo è stato soprattutto dal punto di vista emotivo e motivazionale, perché è stata dura pensare di portare avanti un progetto senza ottenere risultati. Sicuramente questa medaglia è una motivazione, mi ha dato l’idea che si può fare e che molto semplicemente l’atletica è bella. Penso a portare avanti il progetto tecnico che abbiamo iniziato perché questa medaglia non cambia niente, ci dice che stiamo andando nella giusta direzione ma continueremo a lavorare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X