facebook rss

Osimo elegge il deputato Paolo Giuliodori
con il M5S primo partito:
Lega in ascesa, debacle per il Pd

URNE – Il giovane ricercatore dell’Unicam è scattato nel Plurinominale Camera Marche 1. La città non rappresentata in Parlamento dal 2001. Il nuovo scenario politico emerso dal responso delle urne mette in evidenza il balzo in avanti della coalizione del centrodestra e di ben 17 punti percentuale della Lega rispetto alle elezioni 2013. I democrat, che oggi governano Osimo, perdono voti e LeU si attesta sul 3.4%. Dati imprescindibili per ragionare sulle alleanze delle Amministrative 2019
lunedì 5 marzo 2018 - Ore 12:02
Print Friendly, PDF & Email

Paolo Giuliodori, ieri al seggio per votare

Il M5S era già stato la rivelazione delle elezioni 2013 per Osimo. Dopo il voto di ieri e dopo 17 anni di assenza degli osimani da Montecitorio, i pentastellati, sembra ormai certo, sono riusciti a far eleggere il 28enne Paolo Giuliodori, ricercatore all’Università di Camerino, nel Plurinominale Camera Marche 1. Il dato è ancora ufficioso perchè, tra l’altro, manca lo scrutinio di 3 sezioni di Osimo che l’Ufficio elettorale sta consegnando proprio ora al funzionari della Prefettura per problemi formali di “quadratura dei formulari”. La commissione elettorale ha dovuto richiamare i rispettivi presidenti di seggio a palazzo comunale. Nel 2013 il M5S era già stato considerato la soluzione alternativa ai partiti tradizionali e già al tempo, in città, aveva staccato di quasi 10 punti percentuale, con un 36.8% alla Camera e al Senato con 34.7% il Pd, fermo rispettivamente al 25.2% e al 27.5%.

Dopo il voto di ieri la vera novità nel panorama politico cittadino non è tanto la riconferma della supremazia dei 5Stelle ma l’avanzata della Lega che dallo 0.7% al Senato e lo 0.6% alla Camera nel 2013, domenica scorsa  ha toccato quota 18.19% nell’uninominale al Senato, dietro a un M5S asceso al 37.64% e a un Pd piombato al 20.52%. Nel nuovo panorama politico si sono delineate la performance di LeU con i 633 voti (3.49%) di Argentina Severini, che ha strappato consenso ai democrat, l’attestazione di Potere al Popolo con Fabio Pasquinelli (1,2%), la crescita di Fdi in linea con la media nazionale e il crollo di Fi all’8% ma con un centro destra coeso, forte. Uno scenario politico da cui non potranno prescindere i candidati che, tra un anno, aspireranno a diventare sindaco della città. Il Pd che oggi governa Osimo sarà costretto a calcolare bene le alleanze cercando punti di contatto programmatici e senza tralasciare l’incognita liste civiche. Appare evidente però che nel 2019 con questi numeri il centro destra, la Lega in primis, non potrà che correre unito e stavolta con simboli di partito.

CHI E’ PAOLO GIULIODORI – Paolo Giuliodori, 28 anni, ha frequentato il liceo scientifico e successivamente conseguito con il massimo dei voti la laurea specialistica in Computer Science all’Università di Camerino. In seguito ha lavorato con una borsa di ricerca sempre all’Università di Camerino per un progetto regionale avente l’obiettivo di sviluppare una casa domotica a misura di persone in età avanzata. Ora sta concludendo il percorso di dottorato di ricerca (massimo livello di istruzione, 3 anni) il cui argomento è: sviluppo di modelli matematici per l’efficienza energetica. Durante questi anni ha pubblicato vari articoli scientifici su riviste e atti di conferenze partecipando quindi ad eventi di respiro internazionale. E’ un attivista del Movimento 5 Stelle di Osimo da circa due anni durante i quali ha dato un grande contributo per la gestione del sito web e dei social network e per l’organizzazione degli eventi sul territorio, partecipando a tutte le battaglie che il gruppo ha portato avanti: la campagna per il No al referendum costituzionale del 2016, le manifestazioni per la difesa della sanità pubblica osimana e nella Val Musone, le azioni in Ata2 per attuare una strategia “Rifiuti Zero” nella provincia di Ancona, la manifestazione per la ricostruzione del ponte crollato sulla A14, l’azione politica, giuridica e mediatica a fianco dei cittadini per la retrocessione delle aree edificabili in aree agricole nel comune di Osimo. L’ultimo deputato eletto da Osimo e nella Valmusonoe era stato Luigi Giacco (Pds) nel 2001.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X