facebook rss

Spaccio di droga alla stazione ferroviaria:
due denunce e 5 minori segnalati

CHIARAVALLE – Il blitz a sorpresa dei carabinieri è scattato la sera dello scorso 28 febbraio. Dall’inizio dell’anno nella città di Maria Montessori sono già stati sequestrati 3 chili di droga
Print Friendly, PDF & Email

Il comandante della compagnia dei carabinieri di Jesi il maggiore Benedetto Iurlaro

Continua senza sosta l’impegno dei carabinieri di Chiaravalle contro il traffico delle droghe. Dall’inizio dell’anno, nella città di Maria Montessori, sono già stati sequestrati quasi 3 chili di sostanze stupefacenti. L’ultima operazione in ordine di tempo, coordinata dal maggiore Benedetto Iurlaro, comandante della Compagnia di Jesi, è andata a segno la sera dello scorso 28 febbraio. I militari della stazione di Chiaravalle, guidati dal maresciallo Domenico Maurelli, avevano organizzato una serie di controlli anti-droga preventivi, setacciando la città, soprattutto i luoghi di aggregazione dei giovani.

Da tempo i carabinieri erano venuti a conoscenza che alla Stazione ferroviaria erano diventata luogo di ritrovo anche per molti minorenni dediti all’uso ed allo spaccio di sostanze stupefacenti. Lo avevano notato nel corso di diversi servizi di osservazione. Quella sera di fine febbraio l’attenzione è caduta su un folto gruppo di ragazzi che stazionava nell’area, tutti controllati. Durante il blitz a sorpresa, uno di loro è stato subito trovato con un bilancino di precisione ancora accesso e con varie dosi di hashish per un peso complessivo di 18 grammi; un altro, invece, è stato trovato con 90 grammi della stessa sostanza.

Nel corso delle successive perquisizioni domiciliari, a casa del primo soggetto sono saltati fuori ulteriori 30 dosi di hashish per un peso di 32 grammi. Altri 5 ragazzi, tutti minorenni, invece, sono stati trovati con alcune dosi di hashish tra 0,5 ed 1 grammo. I due in possesso di un cospicuo quantitativo di droga, sono stati denunciati per il reato di spaccio continuato di sostanze stupefacenti mentre gli altri cinque sono stati segnalati alla Prefettura come assuntori di sostanze stupefacenti. I carabinieri hanno provveduto a informare subito i loro genitori, ai quali, dopo le formalità, sono stati riaffidati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X