facebook rss

Strada di Paterno, resta il divieto
di transito per rischio frane

ANCONA – Rimosso il fango dalla carreggiata, ma resta il divieto di transito: le piogge previste nel fine settimana possono causare altri smottamenti
venerdì 16 Marzo 2018 - Ore 18:29
Print Friendly, PDF & Email

 

E’ stata completata ieri la rimozione di tutta la frana dalla strada che collega la provinciale alla frazione di Paterno. Lo smottamento, un ampio fronte fangoso era stato provocato dalle piogge, aggravate dalle successive nevicate e dalle seguenti nuove piogge. Nonostante l’intervento la questione non è risolta. I tecnici comunali, che dal verificarsi del movimento franoso, tutti i giorni effettuano un sopralluogo in zona per accertarsi dello stato della situazione, hanno individuato alcune ” pance ” della scarpata, visibilmente sporgenti, che con le forti piogge previste nei prossimi giorni, a partire da domani sabato 17 marzo, potrebbero causare un nuovo scivolamento del terreno sulla strada, rendendo altamente pericoloso il transito. “L’obiettivo primario – spiega l’assessore alle Manutenzioni, Stefano Foresi – è la sicurezza di chi circola su quella strada. Finché il movimento franoso non sarà assestato, grazie anche a qualche giorno senza pioggia, e finché non si procederà al contenimento della scarpata superiore da parte del proprietario del terreno privato, non è possibile consentire il pieno transito su entrambe le carreggiate. I tecnici comunali continuano quotidianamente a controllare lo stato del luogo. Nel frattempo abbiamo ordinato barriere di new jersey in cemento che riusciranno a contenere un’eventuale ulteriore scivolamento di terreno e che avremo a disposizione in questi giorni. Così la strada sarà comunque percorribile a senso unico alternato, con le barriere di new jersey che ridurranno per circa trenta metri la carreggiata per metà. Ripeto che l’obiettivo primario è la sicurezza di chi transita. Purtroppo le previsioni avvertono di piogge consistenti nel weekend ma il nostro scopo rimane quello di consentire il transito su questa strada il prima possibile”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X