facebook rss

Nuovo Salesi, il progetto
all’ultimo esame prima dell’appalto

SANITA' – Trasferimento del pediatrico a Torrette in ritardo rispetto ai tempi previsti, ma qualcosa si muove: l'Azienda Ospedali Riuniti ha aggiudicato i lavori di adeguamento del sesto piano dell'ospedale regionale per il trasferimento di ostetricia e ginecologia, mentre la Regione ha affidato l'incarico per la verifica del progetto del nuovo pediatrico
sabato 17 marzo 2018 - Ore 19:06
Print Friendly, PDF & Email

Il rendering del nuovo Salesi, da realizzare nell’area oggi occupata dall’obitorio e dalla palazzina dell’ufficio personale di Torrette

 

Sforati i traguardi prefissati, l’appalto doveva arrivare entro gennaio, per poter aprire il cantiere a giugno e vedere il taglio del nastro dopo due anni e mezzo di lavori, tra il 2020 e il 2021. Così aveva anticipato il presidente della Regione Luca Ceriscioli nei mesi scorsi, ma i tempi per vedere la posa della prima pietra del nuovo pediatrico a Torrette sembrano ancora lontani. Tutto fermo? Qualcosa in realtà si è mosso. Ad ottobre è arrivato l’appalto per adeguare il sesto piano di Torrette, mercoledì 14 marzo l’ultimo atto invece che riguarda il progetto del nuovo pediatrico. Andando per ordine, ecco gli ultimi passi in avanti che fa registrare il trasferimento del Salesi: lo scorso ottobre la direzione generale di Torrette ha aggiudicato i lavori per la manutenzione straordinaria del sesto piano degli edifici T,U,V,C e D dell’ospedale regionale, dove dovranno essere trasferiti i reparti dell’ospedale materno infantile di via Corridoni, vale a dire ginecologia e ostetricia, terapia intensiva neonatale e centro nascite. Finora però nulla si è mosso. Non sono stati spostati i reparti del sesto piano di Torrette, come otorinolaringoiatria, non è stata sgomberata nemmeno la palazzina della camera mortuaria e della direzione generale, che dovrà essere demolita per fare posto al nuovo pediatrico. Nuovo pediatrico il cui progetto sembra finalmente arrivato alle fasi conclusive.

L’ospedale materno infantile Salesi

Il 14 marzo, con decreto del dirigente dell’edilizia sanitaria, è stata affidata la fase di verifica del progetto definitivo ed esecutivo del nuovo Salesi alla Rina Check Srl, società di Genova che si occupa di validazione dei progetti di costruzioni edili civili e industriali. Se il progetto passerà l’ultimo esame, la Regione potrà dunque procedere con la gara d’appalto. I tempi? Non sembrano brevi e di certo sembra impossibile rispettare quella scadenza del 2021 per l’inaugurazione. Il vecchio Salesi di via Corridoni dovrà quindi resistere e svolgere le sue funzioni ancora a lungo, in attesa del nuovo pediatrico da 40,4 milioni di euro per un investimento finanziario complessivo di 50 milioni di euro (22,3 dallo Stato e 17,6 da parte della regione Marche, con un ulteriore finanziamento Stato-Regione previsto di 10 milioni di euro). Quattro piani dedicati solo al pediatrico, da costruire nell’area dell’attuale camera mortuaria di Torrette, indipendenti dal resto della cittadella sanitaria, ma collegati all’ospedale regionale attraverso un tunnel sotterraneo e una “camera calda”, il punto di snodo tra il pronto soccorso generale per adulti e il pronto soccorso pediatrico, che saranno collocati uno di fronte all’altro. All’esterno, colori pastello e aree verdi. Ecco come è stato disegnato il nuovo Salesi. Al suo interno non ci saranno ginecologia, ostetricia, terapia intensiva neonatale e il centro nascite, trasferiti in via permanente al sesto piano dell’ospedale regionale. Il nuovo Salesi non sarà più un materno-infantile dunque, ma esclusivamente dedicato ai piccoli degenti, non più diviso in reparti, ma secondo criteri moderni in base alle intensità di cure crescenti, dal seminterrato fino al terzo piano. Al livello “zero” seminterrato la diagnostica, con 1.850 mq dedicata alla diagnostica per immagini, Tac, radiologia interni e esterni, quattro sale ecografiche, due risonanze magnetiche, studi medici e di refertazione, 400 mq per la broncoscopia, oltre ai locali per le associazioni di volontariato, magazzini e spogliatoi per il personale. Al piano terra ci sarà l’ingresso principale, affacciato sul lato dell’eliporto, con 920 mq di ambulatori, il pronto soccorso pediatrico di 1.700 mq (affacciato invece sul lato dell’ospedale regionale), con la sala d’attesa da 100 sedute e il box Triage, il Day Hospital da 10 posti letto, l’angolo allattamento, lo spazio ristoro, servizi con fasciatoio, baby park, Cup e reception. Al primo piano, le degenze: Pediatria Generale con 15 posti letto più 8 di area sub intensiva, Neuropsichiatria Pediatrica per 12 posti letto, Oncoematologia per 21 posti letto e spazi dedicati anche per i genitori dei pazienti, che nell’attuale Salesi di via Corridoni sono praticamente ridotti a zero. All’ultimo piano, il blocco operatorio con 4 sale operatorie, Malattie Infettive, Chirurgia Pediatrica di 13 posti letto, Day Surgery e una Terapia Intensiva Pediatrica da 7 posti letto, ricavata grazie al trasferimento del centro nascite.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X