facebook rss

Suona l’allarme,
banditi costretti alla fuga:
colpo fallito al bancomat

ANCONA - Questa notte, ad essere preso di mira è stato lo sportello automatico della Ubi Banca di via Umani. L'obiettivo della gang era quello di sradicarlo per poi trasferirlo all'interno di un furgone rubato poco prima del tentato colpo alla Baraccola. I criminali si erano anche impossessati di un muletto, asportato da un'azienda di Osimo stazione
mercoledì 21 marzo 2018 - Ore 15:15
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Avevano pianificato il colpo nei minimi dettagli, certi che nessuno li avrebbe disturbati. Invece, l’allarme e l’arrivo istantaneo della polizia e della vigilanza privata “La Vedetta” hanno messo in fuga la gang di ladri che questa notte ha tentato di scassinare il bancomat dell’Ubi Banca di via Umani, alla Baraccola. La banda è stata costretta ad abbandonare il piano ed allontanarsi il più in fretta possibile dalla città. Il tentato colpo è andato in scena attorno alle 3. Poco prima, i banditi avevano rubato un muletto da un’azienda di Osimo stazione per caricarlo sul loro furgoncino, anche questo sottratto a una ditta. Un piede di porco e altri attrezzi del mestiere li avrebbero aiutati a sfondare il bancomat. Qualcosa, però, è andato storto, perchè è scattato l’allarme, collegato sia alla alla centrale operativa del 113, sia alla vigilanza privata, rappresentata da La Vedetta. Il suono dell’allarme e l’arrivo della polizia hanno costretto i ladri a fuggire. Sul posto, hanno anche abbandonato il muletto rubato poco prima e il furgone. Anche il veicolo era stato asportato durante la notte da una ditta della Baraccola. Gli agenti guidati dal vice questore aggiunto Cinzia Nicolini hanno rinvenuto anche delle grosse cinghie che i criminali avevano inserito nell’intelaiatura metallica del bancomat con l’intento di estrarlo dalla sede naturale. Nel frattempo che venissero installati posti di blocco e controlli su tutto il territorio per cercare di braccare la gang, in via Umani è piombata la Polizia Scientifica per i rilievi di rito e tentare di risalire all’identità dei malviventi. Le indagini sono ancora in corso.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X