facebook rss

Giallo fiction ‘Che Dio ci aiuti’
Slittano i fondi dalla Regione
Santarelli: «Offesa alla città»

FICTION - Gli addetti alle riprese della fiction "Che Dio ci aiuti" hanno cancellato le prenotazioni d'albergo a Fabriano. Il sindaco: "Non abbiamo comunicazioni sull'annullamento delle riprese. Ad oggi non sappiamo i motivi della loro assenza, noi andiamo avanti con la preparazione delle location"
Print Friendly, PDF & Email

Suor Angela interpretata da Elena Sofia Ricci

 

di Sara Bonfili

Il cast e la troupe della fiction di Suor Angela non si vedono a Fabriano, giallo sulle riprese della fiction Rai “Che Dio ci aiuti”. Cancellate le prenotazioni in albergo, l‘inizio delle riprese era fissato per i primi di luglio, l’arrivo della troupe a inizio di questa settimana. Sembra che le cancellazioni siano per motivi “di produzione”, di difficoltà cioè ad organizzarsi con attori e troupe. I lavori di attori e produttori dovevano proseguire in due tranche anche tra settembre e ottobre con le riprese degli esterni della fiction di Suor Angela alias Elena Sofia Ricci, a Fabriano per la terza volta. Accordi con l’amministrazione che era pronta all’accoglienza. Fabriano pronta, secondo il sindaco Santarelli,  alla pulizia straordinaria dei luoghi delle riprese, alla concessione del loggiato di san Francesco e altri luoghi resi noti dalla serie tv. Non trapela molto neanche dalla Film Commission in capo alla Fondazione Marche Cultura, che questa volta è stata solo un tramite con il Comune e ha messo a disposizione fonici, sarti e professionisti del cinema. «Abbiamo provveduto a fornire alla Produzione Lux Vide le maestranze richieste, dopo di che non ne abbiamo saputo più nulla, ci spiace» si limitano a rispondere dalla Film Commission. Commenti laconici quindi, che fanno pensare che la produzione non abbia proprio intenzione di venire a Fabriano, lasciando un grande punto interrogativo sulle riprese già annunciate. Il finanziamento alla fiction, per la terza volta consecutiva, sarebbe potuto arrivare dalla Regione Marche, tramite una misura specifica con apposito bando da vincere, dell’asse 3 del settore cinematografico del Por-Fesr 2014-2020. Insomma la fiction avrebbe potuto attingere a fondi europei tramite la Regione Marche. Ma il bando apposito ancora non è uscito, anche se è certamente in preparazione, a quanto fa sapere la Regione. La scadenza per il bando potrebbe in ogni caso slittare a settembre. L’asse va a finanziare vari prodotti di editoria cinematografica, le fiction ma non solo, per circa un milione di euro in totale. La fiction però intanto si gira con messa in onda a primavera del 2019. Per gli interni a Roma, e per gli esterni? Un gran punto interrogativo. Il sindaco di Fabriano Gabriele Santarelli ha annunciato che i lavori di preparazione della città stavano andando avanti, con la pulizia delle pareti delle architetture coinvolte, l’aumento dei turni della polizia municipale, lo spostamento di appuntamenti per lasciare le location libere, lo smantellamento delle decorazioni del Palio; spazi da concedere con l’apposita delibera di giunta firmata pochi giorni fa. Ecco perché arriva come un fulmine a ciel sereno al sindaco la notizia, sempre più certa, che questa prima tranche di riprese salta, facendogli proferire parole di stizza.

Vecchie riprese di “Che Dio ci aiuti” a Fabriano

«Nessuna comunicazione ufficiale è stata inviata a questa amministrazione – scrive il sindaco di Fabriano –  che nel frattempo non ha mai sospeso le attività concordate con i responsabili della fiction per preparare le città». «Ad oggi non sono noti i motivi della loro assenza e non potrebbe essere altrimenti dato che, se non fosse stato per le voci che ci hanno raggiunto e per le disdette delle prenotazioni delle camere degli alberghi, non avremmo nemmeno potuto sospettare questa decisione». Ha concluso Santarelli: «Consideriamo questo atteggiamento profondamente offensivo nei confronti dell’amministrazione e di tutta la città», lamentando la mancata comunicazione della produzione.

La produzione Lux Vide sicuramente è in movimento: la comunicazione della nuova edizione prosegue sui canali social e le novità nella trama vengono annunciate; nessuna indiscrezione arriva però dai responsabili editoriali. Le riprese esterne a Fabriano restano un mistero anche per settembre e ottobre. D’altra parte è noto che la fiction è passata da Modena a Fabriano, e potrebbe di nuovo cambiare location all’occorrenza. La produzione attenderà i finanziamenti marchigiani o si muoverà d’anticipo su altri fronti?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X