facebook rss

Il gruppo Energia
di Confindustria Marche Nord
sceglie Belfiore come presidente

ASSETTI - Il fondatore di Ergo Wind sarà affiancato per i prossimi quattro anni dal vicepresidente Francesco Romagnoli, responsabile Affari istituzionali Marche di Enel. «Uno dei primi obiettivi del gruppo sarà quello di lavorare in maniera trasversale con altri gruppi merceologici come oil&gas e con aziende collegate alle fonti di energia alternativa, in ottica di efficienza energetica»
Print Friendly, PDF & Email

Michele Belfiore nuovo presidente del gruppo Energia di Confindustria Marche Nord

 

Il gruppo Energia di Confindustria Marche Nord sceglie Michele Belfiore, fondatore di Ergo Wind srl di Pesaro, come guida per i prossimi quattro anni di attività. Al suo fianco il vicepresidente Francesco Romagnoli, responsabile Affari istituzionali Marche di Enel. Un settore importante per la nuova associazione a perimetro interprovinciale che raggruppa le aziende che si occupano di sistemi energetici.
«Uno dei primi obiettivi del gruppo − ha affermato Belfiore − sarà quello di lavorare in maniera trasversale con altri gruppi merceologici le cui attività sono collegate alle nostre: parlo ad esempio del gruppo oil&gas, di aziende collegate alle fonti di energia alternativa e in ottica di efficienza energetica quelle aziende energivore che devono adempiere agli obblighi di svolgimento e presentazione delle diagnosi energetiche. In merito alle possibili attività da svolgere − ha aggiunto il neo presidente − trattandosi di un gruppo che ha meno storia rispetto ad altri consolidati come il Gruppo Meccanica o il Gruppo Arredo e in un settore come l’energia in continua e rapida evoluzione, punteremo sicuramente a supportare il know how ed il contributo manifatturiero che le imprese italiane possono dare al nostro Paese, anche sul tema delle auto elettriche, argomento che nei prossimi anni inciderà sicuramente sulle strategie nazionali. Faremo di tutto affinché si adotti un approccio di illuminismo energetico e non di illusionismo, come spesso capita in Italia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X