facebook rss

Mense scolastiche a Offagna,
servizio gestito dalla Asso

OSIMO - Via libera, stamattina con voto unanime del Consiglio comunale di Osimo, alla nuova convenzione sui servizi integrati con il borgo medievale. "La scuola materna delle suore è diventata da parificata a pubblica e noi daremo una mano" ha spiegato il sindaco Simone Pugnaloni
venerdì 27 Luglio 2018 - Ore 10:55
Print Friendly, PDF & Email

Una veduta di Offagna

La Asso gestirà il servizio di refezione scolastica per la scuola materna di Offagna. Stamattina il via libera con voto unanime della Sala Gialla di Osimo. I due Comuni fanno parte dell’Ambito Territoriale Sociale XIII, di cui Osimo è città capofila, pertanto rientrano nel campo di una programmazione e gestione coordinata degli interventi di natura sociale, specie per l’utilizzo delle risorse finanziarie messe a disposizione dalla Regione e dalla Provincia e con utilizzo delle risorse umane specialistiche facenti capo all’ufficio del Coordinatore d’Ambito.Tra Offagna e Osimo è operativa, da alcuni anni, una convenzione per la gestione di alcuni servizi e nello specifico: -servizio di assistenza/integrazione scolastica agli alunni in condizioni di disabilità; -servizio assistenza educativa domiciliare per disabili; gestione centro di aggregazione “La Coccinella”, servizio assistenza domiciliare. Ora la nuova convenzione approvata dall’aula consiliare stamattina ne amplia l’oggetto con il servizio di refezione scolastica all’asilo, interrompendo, invece, la gestione associata del centro di aggregazione “La Coccinella”.

“Offagna ha ottenuto dall’Ufficio scolastico regionale che la Scuola materna parificata e gestita dalla suore di Santa Zita si trasformi in scuola materna pubblica. – ha spiegato il sindaco Simone Pugnaloni stamattina in aula – e per questo motivo per rendere a tempo pieno l’attività didattica è stato richiesto alla Asso di gestire il servizio di refezione scolastica. Abbiamo accolto la richiesta nel segno del dialogo istituzionale, per cercare di fare una mano a gestire il servizio”. Il segretario comunale Giuliano Giulioni ha puntualizzato che “i 2 Comuni della convenzione concorderanno uguali tariffe per il servizio di refezione scolastica. Ma mentre Osimo prevede forma di esonero e agevolazioni tariffarie per le famiglie e riesce a coprire le minori introiti con fondi del proprio bilancio comunale, Offagna non potrà farlo (per i vincoli imposti dal dissesto finanziario ndr) pertanto dovrà coprire interamente i costi del servizio”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X