facebook rss

Cartello choc augura la morte al sindaco:
“Dopo Markionne ci sarebbe un certo Bacci”

JESI - Il messaggio è comparso nei giorni scorsi in centro, davanti a un locale. Solidarietà al primo cittadino e indignazione dei gruppi consiliari di maggioranza
Print Friendly, PDF & Email

Il cartello contro Bacci.

Un cartello che solleva l’indignazione e che stringe attorno al sindaco Massimo Bacci cordate di solidarietà. E’ comparso nei giorni scorsi davanti a un locale del centro, con scritte choc sulla morte di Sergio Marchionne, il dirigente d’azienda che ha guidato il rinnovamento della Fiat. “Grazie Dio per aver tolto dai maroni Markionne” si legge a caratteri rossi, con due righe aggiunte che destano prof0nda indignazione: “a adesso ci sarebbe un certo Bacci”, augurando chiaramente che al sindaco di Jesi tocchi la stessa sorte dell’industriale. Un cartello che non è certo passato inosservato. A mostrare piena solidarietà al sindaco, oltre a tanti cittadini personalmente e sui social, c’è stato anche il fronte della maggioranza, compatto con i suoli gruppi consiliari. “Esprimiamo piena solidarietà al Sindaco Massimo Bacci in riferimento ai contenuti di alcuni cartelli apparsi oggi in città – si legge in una nota dei gruppi consiliari di maggioranza – la condanna per quanto accaduto non può non passare per l’amara riflessione di quanto oggi i confronti, le parole e le critiche, denotano, purtroppo e sempre più spesso, una bassezza ed una povertà di contenuti rivolti solo all’offesa ed alla denigrazione altrui, se non – come oggi – a spregevoli auguri. Sono situazioni che trovano precise responsabilità, oltre che personali, anche in un modo di far politica odierno fatto di sole urla, mezze verità fuorvianti, che nulla costruisce se non tali episodi che trovano terreno fertile nell’imbecillità”, concludono Jesiamo, Jesinsieme, Patto x Jesi e Insieme Civico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X