facebook rss

Ex Fanesi, scuola delle Poiole
e Villa Monte Domini,
un patto per la riqualificazione

FALCONARA - Progetto Cammini e Percorsi, a settembre i bandi: i privati potranno riqualificare gli edifici, da trasformare in strutture ricettive, commerciali o di servizi, in cambio di una concessione fino a 50 anni
sabato 28 Luglio 2018 - Ore 15:55
Print Friendly, PDF & Email

Il Comune di Falconara cala un tris di immobili, simboli del territorio, da riqualificare con il sostegno dell’Agenzia del Demanio e il coinvolgimento diretto dei privati: l’ex Garage Fanesi in pieno centro città, l’ex scuola delle Poiole lungo la via Clementina e Villa Monte Domini a Castelferretti. Ieri il sindaco Stefania Signorini ha firmato un protocollo d’intesa con la dottoressa Raffaella Narni, direttore pro tempore dell’Agenzia del Demanio delle Marche, affinché i tre edifici vengano inseriti nel progetto ‘Cammini e Percorsi’, lanciato l’anno scorso dal Demanio di concerto con il Mibact, il Mit e l’Anas, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Gli obiettivi del progetto, che promuove il turismo lento lungo cammini storico-religiosi e percorsi ciclopedonali, sono orientati al potenziamento dell’offerta turistico-culturale e alla messa a rete di siti di interesse storico e paesaggistico, attraverso il recupero e il riuso di edifici pubblici che si trovano in prossimità di itinerari pedonali e ciclabili da affidare ai privati.

«A settembre – spiega l’assessore al Patrimonio Valentina Barchiesi – usciranno i bandi per raccogliere manifestazioni di interesse da parte dei privati. E’ prevista la concessione di valorizzazione degli immobili fino a un massimo di 50 anni a seconda del progetto e del canone di affitto proposto». La commissione tecnica che valuterà le manifestazioni di interesse si concentrerà su due aspetti, spiega l’assessore Barchiesi: «sarà preso in considerazione il canone di affitto, ma i parametri che incideranno maggiormente saranno il progetto di recupero e riuso del bene e la ricaduta positiva sul territorio, l’opportunità turistica, la sostenibilità ambientale e l’efficienza energetica». Grazie al protocollo d’intesa con l’Agenzia del Demanio i bandi avranno rilevanza nazionale, tanto che nella precedente edizione che ha coinvolto altri edifici sono arrivate manifestazioni di interesse da tutto il mondo. «Alla grande visibilità data dal bando – spiega ancora l’assessore al Patrimonio – si aggiungeranno le iniziative promosse dal Comune, come open day all’interno degli immobili».
Quanto alle destinazioni, legate alla realizzazione della futura Ciclovia Adriatica finanziata con fondi europei e con Falconara come Comune capofila, sono previste attività turistico-ricettive con servizi per il cicloturismo, punti di accoglienza e ristorazione, parcheggi con servizi di noleggio ed assistenza bici, taxi service ed infopoint, ciclofficine. Per il Fanesi nel bando sarà inserita anche la possibilità di frazionare l’immobile per destinarne una parte a uffici comunali, come l’Anagrafe. Per Villa Monte Domini l’amministrazione comunale si è resa disponibile ad avviare un tavolo tecnico Inrca-Demanio-Comune, per concordare opere di valorizzazione e avviare un percorso condiviso di riqualificazione dell’area di proprietà dello stesso Inrca.

LE SCHEDE DEGLI IMMOBILI –  Ex Garage Fanesi: superficie lorda 1.271 metri quadri, epoca di realizzazione tra il1930 e il 1970. Usi ammessi: residenziale, turistico ricettivo, commerciale, direzionale, servizi. Ex scuola Poiole: superficie lorda 226 metri quadri, epoca di realizzazione 1.930 (è stata una scuola fino al 1942). Usi ammessi: residenziale, turistico ricettivo, agriturismo – country house, ricreativo-culturale, direzionale, servizi. Villa Monte Domini: superficie lorda 3.537 metri quadri, epoca di realizzazione 1.500-1.800. Usi ammessi: residenziale, agricolo, agri-turistico, boschivo, didattico, ricreativo, in parte anche sportivo

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X