facebook rss

Scuola ricostruita dopo il sisma,
arriva Di Maio per la Don Petruio

FABRIANO – Sabato il taglio del nastro della elementare abbattuta nel marzo 2017 dopo essere stata danneggiata dal sisma di ottobre 2016. Ci sarà il vicepremier e ministro dello sviluppo economico insieme con il commissario straordinario De Micheli e il presidente della Regione Ceriscioli per inaugurare la scuola
Print Friendly, PDF & Email

La posa della prima pietra della nuova Don Petruio con il commissario De Micheli lo scorso ottobre 

Sarà la prima scuola interamente finanziata e ricostruita dallo Stato dopo il sisma del 2016, per l’occasione il taglio del nastro è affidato al vicepremier Luigi Di Maio. Appuntamento sabato alle 10,30 in via Petruio per l’inaugurazione della scuola materna Don Petruio, la cui demolizione è iniziata nel marzo 2017 dopo i danni subiti a causa delle scosse di terremoto di due anni fa. La nuova scuola vedrà 4 sezioni per un totale di 120 alunni e 972 mq di superficie coperta per poter tornare ad ospitare i bambini trasferiti nel frattempo alla scuola Fermi di viale Zonghi, insieme con i bambini dell’asilo nido Giro Girotondo. L’edificio progettato con una struttura portante in legno è dotato di impianti ispirati ai principi del risparmio energetico e del ridotto impatto ambientale per ottenere la certificazione di classe energetica A. Al taglio del nastro è prevista la partecipazione del vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio, il Commissario Straordinario per la Ricostruzione Paola De Micheli e il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, oltre all’invito esteso a tutti i parlamentari marchigiani e le autorità civili e militari. Era stata la stessa De Micheli a voler essere presente lo scorso ottobre alla posa della prima pietra dell’opera finanziata per 1,360 milioni con fondi statali.

De Micheli posa la prima pietra delle Don Petruio (Video)

I bambini della Giro Girotondo traslocano all’ex tribunale di viale Zonghi

Scuola colpita dal sisma, Sagramola consegna il progetto a Errani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X