facebook rss

Cade sugli scogli del Passetto,
i soccorritori devono pagare
il ticket dell’ascensore

ANCONA – I militi della Croce Gialla non hanno potuto fare altro che pagare il biglietto per scendere in spiaggia
Print Friendly, PDF & Email

Cade sugli scogli del Passetto, arrivano i soccorritori, ma senza biglietto l’ascensore non parte nemmeno per i volontari della Croce Gialla. Scena assurda nel primo pomeriggio in piazza IV Novembre, quando i militi, per raggiungere l’arenile, hanno dovuto fare il ticket. I soccorsi erano stati chiamati per l’infortunio di uomo di 56 anni, ferito ad una spalla dopo essere caduto dagli scogli. Tempestivo l’arrivo dei soccorritori, ma una volta giunti all’ascensore e caricata la barella dentro la cabina, l’impianto meccanizzato non ne ha voluto sapere di funzionare. I militi allora hanno cercato il personale di Conerobus, azienda che gestisce l’impianto di risalita, ma in quel momento non ci sarebbe stato nessun dipendente dell’azienda sul posto. I volontari perciò hanno chiamato l’azienda in sede, e qui gli avrebbero detto che l’unico modo per scendere in spiaggia era quello di pagare il biglietto. Cosa che i due volontari hanno fatto, pagando regolarmente i due euro per due ticket andata e ritorno, come se fossero due normali bagnanti. Ma durante tutto il tempo perso per il disguido, il ferito aveva già fatto in tempo a risalire a piedi lungo la scalinata. L’uomo è stato poi accompagnato in ospedale con un trauma di media gravità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X