facebook rss

Lancia tre panetti di hashish
dalla finestra, presi al volo
dalla polizia che lo arresta

ANCONA - Lo spacciatore, un 24enne residente in via Torresi, era da tempo attenzionato dagli agenti che si trovavano davanti alla sua abitazione per un controllo. Alla vista dei poliziotti l'uomo ha gettato dalla finestra del bagno al quarto piano di una palazzina la droga, ma la mossa non gli ha evitato l'arresto
Print Friendly, PDF & Email

I tre panetti di hashish di cui ha tentato di disfarsi lo spacciatore

 

Getta tre panetti di hashish da un etto l’uno dal quarto piano della sua casa di via Torresi ad Ancona per non essere incastrato dalla polizia. Tentativo fallito per un tunisino 24enne, S.B., già noto alle forze dell’ordine, arrestato dagli agenti della Mobile, squadra antidroga, che hanno afferrato al volo la droga lanciata dallo spacciatore.  L’uomo era infatti da tempo attenzionato dalla polizia perché dedito allo spaccio di droga a giovani della zona del Piano e per reati di estorsione e oltraggio a pubblico ufficiale. Ieri pomeriggio, il 24enne appena uscito dal portone di casa, alla vista dei poliziotti che si trovavano fuori dalla sua abitazione di via Torresi per un controllo nei suoi confronti, è rientrato velocemente salendo al quarto piano dove abita per disfarsi della droga che nascondeva in casa, lanciandola dalla finestra del bagno. Il volo dei panetti di hashish è finito però direttamente nelle mani della polizia che prevedendo che S.B. tentasse di disfarsi dello stupefacente, aveva anticipato le sue mosse rimanendo in attesa sotto la finestra dell’abitazione.
Dopo un’accurata perquisizione nell’abitazione dello spacciatore, i poliziotti lo hanno condotto in questura per fotosegnalarlo e redigere gli atti previsti dalla legge.
Visti i gravi indizi di reità a carico del tunisino, su disposizione del sostituto procuratore, S.B. è finito in manette per spaccio di sostanze stupefacenti. Nell’udienza di convalida di questa mattina, il tunisino, difeso dall’avvocato Paolo Mengoni, ha patteggiato ha patteggiato la pena di un anno e quattro mesi ed è stato rimesso in libertà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X