facebook rss

Collisioni saluta e promuove il Verdicchio
«E’ tra i grandi bianchi del mondo»

JESI – L'evento organizzato dall'Imt e dedicato al 50esimo anniversario dell'etichetta Doc si è concluso con la degustazione storica da parte di 32 selezionati esperti internazionali. D'Agata: “Puntare su longevità e invecchiamento per diventare senza fatica un prodotto importantissimo per tutti i sommelier”
domenica 2 Settembre 2018 - Ore 17:44
Print Friendly, PDF & Email

Una immagine della degustazione storica “Old but gold”

“Sono molte le indicazioni positive della full-immersion enologica che si è chiusa oggi a Jesi. La prima è che il Verdicchio si conferma straordinario attrattore per il territorio e per le altre denominazioni meno conosciute; la seconda è – a detta dei 32 esperti internazionali provenienti da 13 Paesi – che la strada delle qualità imboccata è quella giusta. Per lo stesso periodo del prossimo anno stiamo lavorando su un grande evento internazionale dedicato a un autoctono che da simbolo regionale si identifica sempre più tra i vini bandiera nazionali”. Lo ha detto, oggi in chiusura di Collisioni Jesi, il direttore dell’Istituto marchigiano di tutela vini Alberto Mazzoni. L’evento business, organizzato dal consorzio marchigiano e dal direttore scientifico di Indigena, Ian D’Agata, è stato dedicato al 50° della Doc Verdicchio dei Castelli ma anche alle altre denominazioni dell’area (Verdicchio di Matelica, Lacrima di Morro d’Alba, Bianchello del Metauro, Colli Maceratesi e Serrapetrona). Per Ian D’Agata, senior editor di Vinous e direttore scientifico di Indigena: “Il Verdicchio si conferma essere una delle migliori varietà bianche del mondo, che dà vini freschi e beverini ma soprattutto capaci di grande longevità, con prodotti che possono invecchiare tranquillamente 20 anni proprio come i Chablis, i Riesling alsaziani e tedeschi e altri grandi vitigni. E quella dell’invecchiamento è ora la specificità più importante da far conoscere all’estero, perché in questo modo – ha concluso – automaticamente e quasi senza fatica il Verdicchio diventerà un prodotto importantissimo per tutti i sommelier del mondo che vorranno questi vini anche per creare verticali in carta”. A Collisioni Jesi, che si è chiusa proprio con una degustazione storica ‘Old but gold’, ha partecipato un pacchetto di selezionatissimi stakeholder provenienti dai principali Paesi importatori di vino: Usa (6 operatori), Russia e Cina (4), Canada, Francia e Regno Unito (3), Giappone e Svezia (2), Belgio, Paesi Bassi, Polonia, Svizzera e Ungheria. Un’occasione anche per far conoscere a giornalisti e operatori del settore i luoghi simbolo del paese di Federico II, a partire dal concerto inaugurale con divagazioni leopardiane al Festival Pergolesi Spontini fino alle opere di Lorenzo Lotto della Pinacoteca civica e alla mostra sul Novecento quotidiano di Betto Tesei. Il vigneto Marche – con 20 denominazioni e 17.000 ettari complessivi di vigneto di cui 4.500 ristrutturati e rinnovati negli ultimi 10 anni – fattura annualmente circa 150 mln di euro, con una crescita delle esportazioni di oltre il 50% nell’ultimo decennio. Circa 18 milioni le bottiglie di Verdicchio dei Castelli di Jesi prodotte ogni anno, per circa la metà destinate all’export. Con quello di Matelica, l’autoctono marchigiano è il vino bianco fermo più premiato dalle guide italiane negli ultimi 4 anni.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X