facebook rss

Congresso Pd, ancora “sangue e arena”

IL COMMENTO - La maniacale attitudine all'autolesionismo dei dem nelle Marche. Guerra intestina in vista del rinnovo della segretaria regionale. Occhio puntato sulle comunali di Pesaro nel 2019 e le regionali del 2020, Ceriscioli ha in mano le carte. Ma mai come questa volta il centrosinistra potrebbe trovarsi fuori dai giochi
martedì 4 settembre 2018 - Ore 11:20
Print Friendly, PDF & Email

 

di Fabrizio Cambriani

C’è qualcosa di profondamente malato nel Partito Democratico. Una perversione diabolica che ha aggredito e minato incurabilmente, fino alla radice, il suo Dna. Una maniacale attitudine, ossessiva e compulsiva, al più feroce autolesionismo. Una specie di verme solitario che lo consuma dal di dentro e invia le sue larve al sistema nervoso centrale provocando sonnolenza e amnesia. Un viaggio lungo su di un piano inclinato di cui non si vede mai la fine. A causa di una classe dirigente incapace persino di percepire le più elementari ragioni di quello che è stato un tracollo epocale. Eppure, non si è trattato di un deragliamento improvviso, ma di un derapaggio lento: lungo e inesorabile. Benché prevedibile anche al più sprovveduto dei neofiti della politica.

Marco Marchetti

Le oramai poche feste dell’Unità vanno quasi tutte deserte. Nei social network, i leader locali parlano solo tra di loro, nella pressoché totale indifferenza dei più. I rari e timidi segnali di autocritica provengono dagli stessi artefici della Caporetto elettorale che vaticinano ricette per improbabili rilanci. Prenotando, beninteso, un posto in prima fila per la prossima candidatura utile. Con queste premesse sta già andando in onda lo psicodramma dei congressi. Soprattutto di quelli regionali. E già sotto il sole di agosto è cominciata la corsa, senza esclusione di colpi bassi, per accaparrarsi la guida di quel che resta del partito: un simulacro sbiadito e stantio. Realisticamente, bene che vada, si tratterà di un incarico da curatore fallimentare. Nel peggiore dei casi, addirittura di becchino che seppellisce per sempre il feretro del caro estinto.

Giovanni Gostoli

Lo spettacolo che stanno dando le Marche è tra i peggiori. Perché coinvolge in prima persona l’istituzione Regione con il suo presidente in prima fila. Malgrado le tante emergenze che premono, prima tra tutte quella della ricostruzione post terremoto che ancora è lontana dal vedere la luce. Succede che, all’indomani della sconfitta del 4 marzo, il segretario regionale Francesco Comi metta a disposizione il suo mandato. Benché il suo incarico venga congelato da Roma, Comi di fatto si ritira sul serio – e di questo bisogna dargliene onestamente atto – lasciando pieni poteri al coordinatore della segreteria regionale, l’ex parlamentare pesarese Marco Marchetti. Il quale potrebbe naturalmente diventare candidato unitario di tutto il partito per la segreteria regionale senza strappi, né forzature. Sarebbe il traghettatore ideale, con accanto una squadra di laboriosi sherpa, in un mare particolarmente tempestoso. Invece, stando a fonti interne ben attendibili, l’ostacolo a Marchetti proviene proprio dal suo territorio, cioè dal sindaco pesarese Matteo Ricci, a lui sempre inviso, che non lo gradirebbe. A questo punto, per forzare il blocco, tre segretari di federazione provinciale (Macerata, Fermo e Ascoli), attraverso una nota congiunta, si dicono disponibili a ricercare una candidatura unitaria proveniente dai loro luoghi indicando come priorità, quella appunto della ricostruzione. La medesima priorità che il segretario provinciale di Pesaro, Giovanni Gostoli, aveva segnalato attraverso una riflessione, affidata al sito web di Democratica, sul rilancio del partito. «Un terzo dei comuni marchigiani coinvolti, 87 comuni nel cratere, 30mila persone sfollate, oltre mille chiese danneggiate – scriveva Gostoli il 13 aprile scorso, aggiungendo che – il terremoto ha trasformato radicalmente la natura e le priorità della legislatura del governo regionale, cambiando di fatto anche il futuro delle Marche». Invece, colpo di scena, l’eventualità prospettata dalle tre federazioni di Marche sud nel mettere a disposizione una loro candidatura, viene ritenuta quasi offensiva e sicuramente divisiva dallo stesso Gostoli il quale, il 19 agosto scorso, attraverso una lettera a un quotidiano locale, la bolla perfino come ostile. Quella che solo in aprile era una luminosissima stella polare, diventa per Gostoli nella calura di agosto, motivo di grave pregiudiziale territoriale.

Camilla Fabbri

La risposta è la contrapposizione del nord contro il sud delle Marche. Tant’è vero che, per la segreteria riprende quota il nome dell’ex parlamentare anconetano Lodolini che sembra non aver avuto il successo sperato nella sua breve carriera di scrittore di Lonely Planet “de noantri”. Ma in assenza del segretario Comi e del reggente Marchetti, ormai bruciato, la patata bollente passa direttamente a Luca Ceriscioli. Più defilata, ma ben coinvolta nella partita, anche la sindaca di Ancona, Valeria Mancinelli. Improvvisamente palazzo Raffaello diventa meta di pellegrinaggi e incontri esclusivi di partito, finalizzati alla ricerca di una candidatura unitaria. Oppure di un’ennesima, dolorosa conta. La prima mossa di Ceriscioli, al rientro dalla ferie, è stata quella di nominare nel suo staff come sua consulente per le attività produttive, l’ex senatrice Camilla Fabbri. Pesarese, classe 1969, la ragioniera Fabbri (e niente… pare ormai assodato che trovare un laureato tra i propri collaboratori – anche fosse in un corso triennale – sia per il povero Ceriscioli, impresa improba) è stata segretaria provinciale della Cna di Pesaro. Ed essendo stata membro del cda della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro – quindi, si presume pratica di istituti di credito – il 23 novembre 2015, all’indomani del provvedimento di risoluzione per Banca Marche, vergò un comunicato trionfalistico definendolo «estremamente positivo», in quanto si trattava «di un decreto perfettamente in linea con quanto avevamo auspicato sin dall’inizio». Trascurando, tuttavia il piccolo particolare che il provvedimento riduceva in carta straccia milioni di euro di azioni e obbligazioni anche di piccoli investitori. Ma evidentemente, per gli esperti in materia del Pd, era cosa buona e giusta che “sin dall’inizio” si optasse per la risoluzione con tutte le sue terribili conseguenze. Stando alle cronache, parrebbe che il compenso che i contribuenti marchigiani destinino agli inestimabili servigi dell’ex parlamentare pesarese, ammonti a 39mila euro annui.

Luca Ceriscioli, presidente della Regione Marche

I prossimi importanti appuntamenti elettorali interni sono le comunali di Pesaro nel 2019 e le regionali del 2020. Con la lotta nord contro sud probabilmente Ricci sarà riconfermato sindaco di Pesaro, sia pure con qualche difficoltà. Potrebbe verosimilmente accadere che alle regionali il centrosinistra invece si schianterà e dovrà lasciare libere le stanze di palazzo Raffaello al centrodestra, guidato quasi di sicuro dall’attuale sindaco di Ascoli, Guido Castelli. A oggi la situazione è così cristallizzata: in questa girandola di nomi, dove la costante sono i numerosi ex da ricollocare o già collocati, il mazzo di carte in mano ce l’ha Ceriscioli che – politicamente parlando – già di suo non è un’aquila. Il governatore sarà artefice del suo destino, ma anche di quello dell’intero centrosinistra. Che potrebbe, per la prima volta nella sua storia, trovarsi fuori dal governo della regione Marche. Matteo Ricci, invece, comunque vada lo scontro, si è messo già al sicuro. A noi pochi reduci, appassionati ancora di politica, non resta che comprare dei croccanti popcorn e goderci, da vicino, le evoluzioni di questo straordinario spettacolo.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X