facebook rss

Il Covo di Campocavallo
resterà a Wielictkza

OSIMO - Quest’ anno i maestri del Covo hanno voluto rendere omaggio alla figura di San Giovanni Paolo II attraverso una fedele riproduzione della meravigliosa Basilica di Santa Maria Assunta di Cracovia (utilizzate oltre due milioni di spighe di grano). L'assessore Annalisa Pagliarecci ha accompagnato con la delegazione osimana l'opera di spighe, ora custodita al Campus della Misericordia della cittadina polacca
Print Friendly, PDF & Email

Lo scorso 26 agosto ho avuto l’onore di rappresentare l’amministrazione comunale di Osimo nella città polacca di Cracovia, per la consegna dell’opera realizzata dai maestri del Covo di Campocavallo. “Nell’occasione – ricorda l’assessora Annalisa Pagliarecci che ha raggiunto la Polonia con la delegazione osimana-  ho rinnovato il sentimento di profonda stima e gratitudine nei confronti del comitato di Campocavallo, da sempre dedito a mantenere viva una delle poche tradizioni contadine rimaste in vita nella nostra area geografica. Sin dal 1939, infatti, con l’obiettivo di ringraziare la Beata Vergine Maria per il raccolto dei campi, donne e uomini, realizzano opere di straordinaria bellezza con l’utilizzo delle spighe di grano”. Quest’ anno i maestri del Covo hanno voluto rendere omaggio alla figura di San Giovanni Paolo II attraverso una fedele riproduzione della meravigliosa Basilica di Santa Maria Assunta di Cracovia (utilizzate oltre due milioni di spighe di grano), edificio la cui imponente architettura domina la maestosa Piazza del Mercato di Cracovia, luogo tanto caro a Karol Woytila.

Alla cerimonia di consegna del Covo era presente Sua Eminenza il Cardinale Stanislao Dziwisz, che ci ha permesso di percepire ancora più vicina la figura dell’amatissimo San Giovanni Paolo II. “Al termine della funzione religiosa, alla presenza del dirigente della Regione Marche Raimondo Orsetti, ho avuto il grande piacere di consegnare al Cardinale Dziwisz la Spiga d’oro 2018. Nell’occasione – continua l”assessore alla pubblica istruzione di Osimo – ho inoltre ringraziato il Sindaco di Wielictkza, Artur koziol, per aver deciso di ospitare il Covo nella sua splendida città e precisamente nell’area dedicata al Campus della Misericordia, dove due anni prima si è tenuta la XXXI edizione della Giornata Mondiale della Gioventù, con Papa Francesco. Per l’ennesima volta nella storia, le strade dell’Italia e della Polonia si sono incontrate nel segno dell’amicizia e della fratellanza; una storia costellata di episodi che ci ricordano quanto sia stato fondamentale il sacrificio dei soldati polacchi per restituire la libertà al popolo italiano durante la Seconda Guerra Mondiale. Nel cimitero militare di Montecassino i soldati polacchi posero una scritta: “Per la nostra e vostra libertà, noi soldati abbiamo lasciato la nostra anima a Dio, il cuore alla Polonia e il corpo all’Italia‘”. Al termine di quella guerra infatti, molti soldati polacchi dovettero scegliere tra il ritorno in una patria occupata dai sovietici o le vie dell’esilio.

Campocavallo, Festa del Covo dedicata a San Giovanni Paolo II

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X