facebook rss

Filippo Schittone lascia
la direzione di Confindustria Ancona

AVVICENDAMENTI - Il direttore generale della territoriale anconetana e vicedirettore generale del nuovo assetto interprovinciale se ne va dopo 11 anni. Guiderà l'Associazione industriali bresciana
Print Friendly, PDF & Email

Filippo Schittone

Filippo Schittone, direttore di Confindustria Ancona e da un anno vicedirettore generale di Confindustria Marche Nord, lascia la direzione di Confindustria Ancona per raccogliere una nuova sfida che lo porterà a Brescia, dove sarà direttore generale di Aib, l’associazione industriali bresciana.

La ratifica ufficiale della nomina è arrivata ieri sera, durante la riunione del Consiglio generale di Aib. 

«Filippo Schittone vanta una lunga esperienza in campo associativo – ha dichiarato Claudio Schiavoni, presidente di Confindustria Marche Nord – e sono certo che il bagaglio di esperienza che si è fatto qui ad Ancona potrà essergli di aiuto per questa sua nuova avventura professionale ed umana. A lui il grazie mio personale e dei colleghi imprenditori per l’impegno, la serietà e la professionalità con cui ha sempre svolto il suo ruolo, soprattutto nel delicato passaggio dell’aggregazione con Pesaro-Urbino. Gli faccio i miei migliori auguri per la sfida che lo attende».

L’ormai ex direttore ha ricordato il tempo trascorso ad Ancona. «Sono stati oltre 11 anni intensi quelli che ho passato ad Ancona, sicuramente impegnativi tra problemi e stravolgimenti economico-imprenditoriali, che però mi hanno dato tantissimo, professionalmente ed umanamente. Ora che lascio questa terra, diventata un po’ anche mia, porterò sempre con me il ricordo indelebile di un tessuto imprenditoriale fatto di persone speciali, dedite al lavoro, appassionate seppur nella loro riservatezza, uomini e donne “del fare” più che “del raccontare”, veri artefici dello sviluppo di questa regione. Parto con la consapevolezza di lasciare un territorio ricco di potenzialità che sono certo riuscirà ad uscire da quella marginalizzazione di cui tanto soffre».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X