facebook rss

Raid a Ponterosso: auto distrutta
con una mazza da baseball
Due romeni in arresto

ANCONA - Per loro l'accusa è di tentata estorsione e danneggiamento aggravati. Sono stati bloccati questa notte dai carabinieri del Norm dopo la denuncia eseguita dal proprietario della vettura, accortosi dei danni subiti. L'uomo sarebbe stato preso di mira dalla coppia di stranieri per motivi ancora al vaglio degli investigatori
mercoledì 3 Ottobre 2018 - Ore 17:19
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

di Federica Serfilippi

Minacce, intimidazioni e, alla fine, il raid conclusivo avvenuto ieri sera a Ponterosso. Nel mirino di due romeni è finita un’utilitaria di proprietà di un loro connazionale, vittima – secondo la procura – di un tentativo di estorsione da parte della coppia. I due  hanno spaccato l’auto con una mazza da baseball, accanendosi contro vetri e carrozzeria. Neanche un’ora dopo il blitz, i presunti responsabili erano già stati individuati dai carabinieri del Norm in una villetta in zona Pinocchio. I romeni, ex soci di una concessionaria della città entrambi di 31 anni e ancora gravitanti nel mondo dei motori, sono finiti in manette con l’accusa di danneggiamento, tentata estorsione aggravata e porto di armi e oggetti atti ad offendere. Infatti, oltre alla mazza da baseball, i carabinieri hanno sequestrato una sorta di arsenale composto anche da pistole giocattolo, mannaie, machete e fucili ad aria compressa. Da questa notte si trovano a Montacuto in attesa della convalida di fronte al gip. Sono ancora da ricostruire i dettagli che avrebbero portato la coppia a inveire contro l’auto di un loro connazionale. L’ipotesi investigativa è che i due 31enni avessero preso di mira la vittima da tempo, tartassandola con minacce e richieste di denaro. Quello successo ieri sera a Ponterosso doveva essere un avvertimento. La vittima si è accorta del danno poco dopo la mezzanotte. Sul posto sono arrivati i militari che si sono trovati di fronte un’auto con tutti i vetri completamente frantumati e diversi graffi lungo la carrozzeria, verosimilmente conseguenti ad una serie di calci e colpi inferti mediante una mazza da baseball. Le attività di ricerche effettuate nell’immediatezza hanno permesso di risalire ai due romeni, arrestati in una villetta dove è stato trovato tutto l’armamentario di oggetti sequestrati dai carabinieri. Non si esclude nel blitz di Ponterosso la compartecipazione di altri individui tuttora al vaglio dei carabinieri. Sono in corso, infatti, ulteriori approfondimenti.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X