facebook rss

Il Tar cambia il Consiglio comunale:
esce il Verde Polenta, entra Amicucci

ANCONA – Accolto il ricorso del Pd, il riconteggio delle schede fa perdere un seggio agli alleati di maggioranza e scatta il 14esimo consigliere democrat
giovedì 4 ottobre 2018 - Ore 17:19
Print Friendly, PDF & Email

Il consigliere del Verdi, Michele Polenta

Il Tar cambia il verdetto elettorale, la maggioranza perde un consigliere dei Verdi e ne guadagna uno del Pd. La magistratura amministrativa ha accolto oggi il ricorso promosso dall’avvocato Andrea Galvani per conto di Jessica Amicucci, la prima dei non eletti del Pd. La sentenza emessa oggi dalla camera di consiglio presieduta dal giudice Maddalena Filippi modifica il verbale degli eletti alla carica di consigliere comunale del 26 giugno, togliendo il seggio al Verde Michele Polenta per consegnarlo invece alla democrat Amicucci. Bisognerà aspettare che vengano depositate le motivazioni della sentenza per conoscere le spiegazioni del tribunale, ma di certo la decisione era da tempo nell’aria, visto che il risultato era già stato contestatissimo e c’erano voluti ben due giorni dalla chiusura delle urne per i risultati definitivi delle elezioni amministrative dello scorso giugno. Il pasticcio maggiore era avvenuto con le schede della sezione 79 della scuola Michelangelo, riconteggiate dall’ufficio centrale della Prefettura perché il seggio era finito nel pallone a causa del voto disgiunto espresso dagli elettori. Il verbale con la nomina degli eletti della Prefettura emesso il 26 giugno aveva già riservato le sorprese rispetto ai dati diffusi online e in tempo reale dal Ministero degli Interni e dal Comune di Ancona: in casa Pd, Sandra Gambini aveva scavalcato Jessica Amicucci (le due democrat erano separate da appena 6 preferenze). Gambini è perciò entrata in Consiglio comunale al posto di Stefano Foresi, in seguito alla sua promozione in giunta. Non solo.

Jessica Amicucci

Amicucci infatti era rimasta fuori dall’aula anche perché una manciata di voti in più aveva fatto scattare all’interno della maggioranza il secondo seggio alla lista dei Verdi, a discapito del gruppo Pd, che invece era uscito ridimensionato da 14 a 13 scranni. Ora l’ultima verifica del Tar cambia di nuovo la composizione del Consiglio: i Verdi restano con il solo consigliere eletto Diego Urbisaglia (ex Pd), mentre il gruppo Pd torna a 14 nomi, guadagnando anche la consigliera di Torrette Jessica Amicucci. Resta la delusione per Polenta, l’ambientalista ha svolto appena sei sedute del suo secondo mandato e ora potrebbe seguire la strada del ricorso al Consiglio di Stato per difendere il suo seggio, rischiando di aprire una partita che durerà mesi. Mentre la sentenza del Tar getta un dubbio anche sulla legittimità degli atti approvati dal Consiglio comunale finora, tra cui l’assestamento di bilancio e tutti gli atti collegati all’insediamento del nuovo Consiglio. L’interrogativo arriverà in aula già lunedì, nella prossima seduta, dove farà il suo debutto Amicucci al posto di Polenta.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X