facebook rss

Ascoli strappa il 2° posto
nel Palio di Filottrano
grazie ai suoi arcieri

QUINTANA protagonista a "Le Marche della Storia" con la squadra composta da Giusepppe Capponi, Roberto Canala, Luigi Sacripanti, Giuliano Scancella e Roberto Nardinocchi. Vittoria sfiorata se non fosse stato per l'ultima ultima freccia che ha centrato il bersaglio ma poi è caduta
Print Friendly, PDF & Email

Gli arcieri della Quintana di Ascoli in gara a Filottrano: Giuseppe Capponi, Giuiano Scancella, Roberto Nardinocchi, Roberto Canala, Luigi Sacripanti

di Andrea Ferretti

Ascoli e la Quintana al 2° posto al “Palio degli arcieri” che si è svolto a Filottrano in occasione de “Le Marche della storia”. Cinque gli arcieri ascolani che hanno rappresentato tre Sestieri: Giuseppe Capponi, Luigi Sacripanti e Roberto Canala (Sant’Emidio), Giuliano Scancella (Porta Romana) e Roberto Nardinocchi (Porta Solestà). Dopo le qualificazioni, i primi quattro hanno partecipato alla fase finale. E cioè: Capponi 185 punti, Sacripanti 161, Canala 156, Scancella 155. A quel punto gli arcieri in rappresentanza di Ascoli Piceno (dieci i Comuni in gara) se la sono battuta fino all’ultimo per la conquista del Palio, sfuggito per appena 5 punti. Con 135 punti ha vinto Fermignano, al posto d’onore Ascoli con 130, al terzo Acquaviva Picena con 125.

Al primo “gioco” Sacripanti doveva oltrepassare uno scudo aperto davanti a un paglione con un cerchio rosso valevole (se colpito) 10 punti: 5 se la freccia oltrepassava lo scudo senza finire nel cerchio. Al secondo “gioco” Canala doveva centrare dei piattini da 5 punti e 10 punti (i più piccoli). Al terzo “gioco” Capponi se la doveva vedere con un bersaglio di piccolo diametro e 10 punti per ogni freccia conficcata, altrimenti zero. Al quarto e ultimo “gioco” Scancella aveva come bersagli un quadrato di trenta centimetri con all’interno delle figure geometriche da colpire. Prove tutte molto impegnative che alla fine, sommando i vari punteggi, hanno visto i Robin Hood ascolani piazzarsi al secondo posto. Soddisfazione per tutti, ma anche un pò di rammarico perché all’ultimo “gioco” Scancella ha centrato la figura geometrica, ma la freccia è poi caduta: se si fosse conficcata i 10 punti avrebbero portato il Palio ad Ascoli. «Ci rifaremo nel 2019» hanno promesso gli arcieri della Quintana.

Gli arcieri ascolani insieme a Nello Gaetani (primo a sinistra) presidente del “Palio del Duca” di Acquaviva Picena e membro del direttivo dell’Associazione marchigiana rievocazioni storiche (Amrs) e della Federazione italiana giochi storici (Figs)

La freccia che è “costata” la vittoria del Palio: per la rabbia a fine gara è stata spezzata

I colpi di cannone hanno segnato l’inizio e la fine della gara

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X