facebook rss

Case popolari, Liste civiche:
“Solo 8 osimani su 30 in graduatoria”

OSIMO - I movimenti di Dino Latini promettono di dare "una silenziosa, concreta risposta ai tanti, troppi osimani o italiani che soffrono l'esigenza della casa"
domenica 21 Ottobre 2018 - Ore 10:49
Print Friendly, PDF & Email

Il consigliere comunale delle Liste civiche, Dino Latini, ex sindaco di Osimo

“Otto osimani su 30 sono in graduatoria utile per le case popolari da assegnare. Non è più possibile. Noi daremo case popolari agli osimani che ne hanno bisogno. L’attuale amministrazione Sinistra più Destra e più M5S hanno promesso case popolari in ogni dove, finendo per non fare nulla. Noi daremo una silenziosa risposta concreta ai tanti, troppi osimani o italiani che soffrono l’esigenza della casa”. A promettere un nuovo corso sono le Liste civiche di Osimo. “Tutto il sistema sociale di Osimo va risollevato, perché oggi non c’è più nulla, tranne gli annunci e le sparate partitiche. Troppi soffrono per colpa di questi 5 anni.- fa osservare la nota stampa del movimento politico fondato da Dino Latini – Coloro, per esempio, che si stracciano le vesti per l’ospedale e la sua farmacia, erano in colpevole silenzio quando ci siamo battuti nel 2015 perchè non venisssero chiusi i reparti di ostetricia e ginecologia. Allora erano tutti in campagna elettorale schierati per Ceriscioli e dicevano che a Osimo non c’era bisogno di tali reparti. Ora, fa un certo effetto vederli alfieri della riapertura della farmacia dell’ospedale. Sarebbero dovuti rimanenere con Ceriscioli ma a battersi all’interno di quello schieramento in cui si erano collocati perché l’ospedal e non sparisse, invece di alzare le mani scaricando le colpe sui loro compagni”. La bacchettata politica è tirata anche a “coloro che hanno contribuito alla vittoria di questa amministrazione sia direttamente sia indirettamente. Non si amministra in questo modo, per noi. Noi, con l’ospedale della provvidenza, torneremo a riaprire la farmacia dell’ospedale per alleviare le sofferenze di chi sta male”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X