Sandro Zaffiri Spazio pubblicitario elettorale
facebook rss

F.C. Osimo raccoglie la sfida:
“Falconarese aspettaci”

CALCIO -Vola a 5 giornate dall'inizio del campionato la compagine del presidente Claudio Carletti nel girone D-seconda categoria. "Una gara al Rocchegiani andrà preparata con grande attenzione" commenta mister Moschini nell'intervista
Print Friendly, PDF & Email

F.C. Osimo: una nuova sfida per il presidente Claudio Carletti, gli allenatori Mirco Graciotti e Andrea Moschini, il preparatore portieri Claudio Bolli, i dirigenti Vinicio Giampaolini, Cingolani Maurizio, Pergolesi Emanuele, Pasquini Lorenzo Dopo solo 5 partite dal suo esordio sulla panchina dell’F.C. Osimo, compagine del girone D del Campionato di seconda categoria, l’allenatore Andrea Moschini si apre alle nostre domande sulla nuova sfida che lo attende. “Una vera sfida – attacca Moschini – Con il presidente Claudio Carletti e Mirco Graciotti, ci siamo buttati in questa avventura che ci coinvolge emotivamente. Non possiamo che ringraziare l’Osimana con cui corre un fattivo rapporto di collaborazione tecnica e questo ci gratifica”.

Quali sono le ambizione della ‘tua’ squadra in un girone non certo semplice…

“La concorrenza è agguerrita e di assoluto livello: su tutti la Labor Santa Maria Nuova e la Falconarese. Noi abbiamo allestito un’ottima squadra che può dare grandi soddisfazioni perché ha un ottimo equilibrio tra elementi esperti e giovani. Stabile, Cecconi, Talevi, Staffolani, Brunetti, Brandoni, Battistoni, Recanatesi e Paolinelli, giusto per citare qualcuno dei più conosciuti nell’ambiente, sono giocatori con tante partite alle spalle e possono aiutare sia la crescita della squadra nel girone che quella dei tanti giovani che cerchiamo di formare. Voglio anche ricordare l’innesto del rumeno Alexandru Canda, bomber dal gol facile anche in categorie superiori. Uno sforzo compiuto dalla Società per ambire ad importanti traguardi”.

Quindi obiettivi ambiziosi all’orizzonte…

“Con tanto impegno ed un po’ di fortuna – continua scaramantico il Mister – potremmo anche ambire alle prime posizioni, ma si sa come è fatto il calcio: le variabili, gli imprevisti, le novità sono sempre in agguato quindi rimaniamo con i piedi per terra e godiamoci questo piccola striscia positiva di 7 punti in tre partite che ci rinfranca, dopo una partenza caratterizzata da un pari ed una sconfitta casalinga contro la favorita Labor che siamo stati costretti ad affrontare in dieci per 70 minuti. Una serie di risultati positivi che ci ha fatto capire di che pasta siamo fatti. Dopo cinque partite siamo a buon punto ma i primi bilanci li tireremo non prima di Dicembre”.

Ogni mister ha il suo modulo: quale preferisci, se ce n’è uno in particolare?

“Tutto dipende sempre dalla disponibilità tecnica e fisica dei ragazzi che ho a disposizione, partita dopo partita. Siamo scesi in campo con il 4-3-3, ma spesso io e Mirco abbiamo dovuto cambiare in 4-4-2 o addirittura 4-2-3-1. Ripeto, non c’è una situazione sempre valida. Oggi bisogna essere eclettici ed abituare i ragazzi a ricoprire diversi ruoli, sia per la loro crescita tecnica che per l’utilità del gruppo”.

Nel prossimo turno vi aspetta una sfida importante….

“Difficilissima e stimolante contro la Falconarese, nel mitico ‘Roccheggiani’. Una gara da preparare con grande attenzione perché ci troveremo di fronte una compagine che non è partita benissimo e che vorrà riscattarsi per recuperare posizioni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X