Sandro Zaffiri Spazio pubblicitario elettorale
facebook rss

Spacciava al monumento del Passetto:
in arresto 34enne anconetano

ANCONA - L'uomo è stato braccato ieri pomeriggio dagli agenti delle Volanti che gli hanno trovato droga in casa: una trentina di grammi di hashish, assieme a tutto l'occorrente per il taglio e il confezionamento delle dosi. L'uomo si faceva pagare attraverso ricariche Postepay
Print Friendly, PDF & Email

Il sequestro della polizia

 

Controlli antidroga della polizia, preso uno spacciatore che incontrava i clienti all’ombra del Monumento ai Caduti del Passetto, nel cuore di Ancona. In arresto c’è finito ieri pomeriggio un 34enne dorica a cui sono stati sequestrati circa 30 grammi di hashish pronti per essere spacciati ai clienti. Stando a quanto emerso, gli incontri venivano fissati attraverso messaggi whatsapp e il pagamento delle dosi avvenivano attraverso ricariche Postepay. Il controllo è stato operato dopo che nei giorni scorsi erano stati segnalati movimenti sospetti nei pressi della pineta. Quando sono arrivati sul posto, gli agenti hanno tre soggetti che, alla vista della polizia, si allontanavano con passo veloce prendendo direzioni diverse. E’ stato bloccato il 34enne, con diversi precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, il quale veniva trovato in possesso del proprio telefono e di una carta Postepay. Durante il controllo, sul cellulare –  che in quel momento era in mano ad uno dei poliziotti – è arrivato un messaggio: “Sto aspettà al parcheggio del monumento .. vado via c’è la pula”. Visionando la chat, i poliziotti riscontravano che c’erano una serie di messaggi di appuntamenti e ordinazioni di droga il cui pagamento avveniva proprio sulla carta Postepay del 34enne. Entrati nella sua abitazione, gli agenti hanno trovato il tavolo della sala da pranzo “apparecchiato di tutto punto” con dosi di hashish, circa una trentina di grammi, coltelli, bilancini di precisione, grinder e tutto l’occorrente per il confezionamento della droga. Il pusher è stato collocato ai domiciliari in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X