facebook rss

Ascia e machete in auto, un chilo
di marijuana a casa: arrestato 19enne

RECANATI - Il giovane è stato fermato in auto lunedì sera a Fontenoce di Recanati da una pattuglia dei carabinieri di Osimo e dalla vettura sono saltate fuori le lame. Il fiuto del cane carabiniere Anita ha fatto il resto scovando la droga nascosta in casa. Il ragazzo è ai domiciliari in attesa della convalida dell'arresto
martedì 27 Novembre 2018 - Ore 22:40
Print Friendly, PDF & Email

Armi bianche e droga sequestrate al 19enne dai carabinieri di Osimo

Un 19enne disoccupato è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Osimo durante un controllo ad un posto di blocco su strada mentre, nella serata di lunedì scorso, 26 novembre, viaggiava a bordo della propria vettura. In auto trasportava una specie di ‘arsenale’ di armi bianche che ha subito insospettito i carabinieri. Alla vista delle divise il giovane aveva già manifestato un certo nervosismo che ha comunque indotto i militari ad approfondire la verifica, procedendo ad una ispezione personale sull’interessato, ed al mezzo di trasporto. La perquisizione, eseguita in Contrada Fontenoce di Recanati, ha consentito di rinvenire a bordo del mezzo un machete con relativa custodia, lama monofilare, della lunghezza totale di 53 centimetri circa; un’ascia della lunghezza di 60 centimetri; una mazza in legno della lunghezza di 59 centimetri; 2 coltelli, di cui uno a serramanico, rispettivamente di 15 e 25 centimetri e la somma di denaro in contanti di 105 euro. La successiva perquisizione domiciliare svolta a casa del giovane con l’ausilio di una unità cinofila del Nucleo Carabinieri di Pesaro e del cane carabiniere Anita, ha permesso di scoprire e sequestrare all’interno del garage due scatole e due barattoli contenenti complessivamente 1,103 kg. di marijuana, 4 grammi di hashish, e materiale vario atto al confezionamento di dosi. Il 19enne è stato tratto in arresto per il reato di detenzione di sostanze stupefacente a fini di spaccio e porto illegale di armi ed oggetti atti ad offendere ed è stato posto agli arresti domiciliari, in attesa di convalida.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X