facebook rss

Vede un film a scuola, poi denuncia:
«Sono stata molestata da mio zio»

ANCONA - Vittima una ragazzina che, al momento dei presunti abusi, aveva solo 11 anni. Il suo racconto choc è esploso dopo aver visto un docufilm sulle vicende delle spose bambine. Il parente è finito sotto accusa per violenza sessuale aggravata. L'inchiesta non si è ancora chiusa
martedì 4 Dic 2018 - Ore 19:29
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

A farla parlare sarebbe stata la visione di un film proiettato a scuola. Era incentrato sulle storie delle bambine date in sposa a uomini adulti, fenomeno che interessa soprattutto alcuni paesi asiatici e dell’Africa subsahariana. Le immagini proiettate sullo schermo l’avevano portata indietro di un paio d’anni, facendola andare in crisi di fronte ai compagni di scuola. Le lacrime nascondevano un racconto choc, raccolto in prima battuta dagli insegnanti e poi dagli assistenti sociali. In quel racconto, una ragazzina di 14 anni denunciava le molestie subite dallo zio e iniziate quando ne aveva 11. Sarebbero state perpetrate tra le mura domestiche, senza mai sfociare in rapporti sessuali completi. L’uomo, badante di 56 anni, a inizio 2018 è stato denunciato dal padre della vittima ed ora è accusato di violenza sessuale su minore. L’inchiesta è finita nelle mani del pm Paolo Gubinelli e non è ancora conclusa. Questa mattina, la ragazzina – che vive ad Ancona – è stata ascoltata dal gip Sonia Piermartini nella formula dell’incidente probatorio. In un’aula protetta ha ribadito quanto detto qualche mese fa alle docenti, puntando il dito contro lo zio. L’uomo, secondo l’ipotesi accusatoria, si sarebbe avvicinato alla nipote sfociando nella morbosità, tra toccatine, palpate e abbracci intimi. La maggior parte delle molestie sarebbe avvenuta a casa dell’imputato e nessuno si sarebbe accorto di quanto stava accadendo. Difeso dall’avvocato Michele Brisighelli, il 56enne rigetta ogni contestazione, sostenendo di non aver mai toccato in maniera peccaminosa la nipotina. Gli abbracci e gli atti d’affetto sarebbero stati fraintesi dalla minore.  Al momento della denuncia, le presunte molestie erano terminate. La minore e la sua famiglia sono assistiti dal legale Alessio Giovanelli.

(Fe. Ser.)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X