facebook rss

Movimento 5 stelle ai ferri corti,
scontro interno tra consiglieri
di Regione e Comune

ANCONA – Il capogruppo regionale Gianni Maggi al vetriolo commenta le dimissioni di Annarita Sordoni dal suo ruolo a palazzo degli Anziani: «Lista raffazzonata fin dall'inizio. Ci si chiede perché si sia candidata per poi fare un passo indietro a pochi mesi di distanza»
Print Friendly, PDF & Email

L’insediamento del consigliere 5 Stelle, Gianluca Quacquarini

 

C’è aria di tempesta in casa 5 stelle. Che il gruppo pentastellato regionale vada poco d’accordo con il proprio corrispettivo comunale è cosa nota. Già in diverse occasioni è andato in scena lo scontro aperto a colpi di dichiarazioni e comunicati

Il consigliere regionale dei 5 stelle, Gianni Maggi

sferzanti tra la capogruppo 5 stelle in Comune, Daniela Diomedi, e quello in Regione, Gianni Maggi, che è anche uno dei fondatori del Movimento grillino dorico, nato nel lontano 2008. Ne è ulteriore prova il fatto che «nel giornalino del M5s di Ancona compaiono i simboli della pagina Facebook dorica e quella dei parlamentari, ma non il nostro – fa osservare Maggi −. Inoltre, in diverse delle nostre assemblee pubbliche, Diomedi ha dichiarato che non riconosce noi consiglieri regionali perché, a suo dire, non saremmo all’altezza del ruolo, ma la batosta alle Amministrative di giugno ha sconfessato la loro di linea». A riaprire una frattura mai del tutto sanata, le dimissioni rassegnate venerdì scorso (11 gennaio) della consigliera comunale Annarita Sordoni per cause personali e familiari, che hanno aperto le porte di palazzo degli Anziani al primo dei non eletti Gianluca Quacquarini. «La lista dei candidati delle Amministrative era raffazzonata e non conoscevo la maggior parte dei nomi – prosegue Maggi –. Dopo nove anni in Consiglio comunale, non sono riusciti neanche ad arrivare al ballottaggio, scalzati dalla destra. Ora Sordoni si dimette ed entra Quacquarini, uomo di Eugenio Duca. C’è chi si chiede cosa si sia candidata a fare per poi fare un passo indietro a pochi mesi di distanza. Prima del voto di giugno, avevo proposto di aprire le liste anche agli esterni al Movimento, con l’intenzione di fare un dibattito al mese sui temi di Ancona al fine di coinvolgere anche la società civile. Linea boicottata – punta il dito – dall’allora capogruppo comunale Andrea Quattrini e da Diomedi, che ora non condividerebbe neanche la candidatura alle Regionali di un personaggio della caratura del rettore dell’Università Politecnica, Sauro Longhi, solo perché non è iscritto al Movimento. Che altro aggiungere?».

(Ma. Mar.)

 

M5S Ancona, si dimette la consigliera Sordoni. Al suo posto entra Quacquarini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X