facebook rss

Aveva rapinato un cliente che
l’aveva rifiutato:
trans torna in carcere

MONTEMARCIANO - Si tratta di un 38enne brasiliano che lo scorso gennaio, al ritorno dall'ospedale di Senigallia dove era giunto per atti autolesionistici, ha rifiutato di indossare il braccialetto elettronico agli arresti domiciliari. La misura cautelare si è così inasprita
Print Friendly, PDF & Email

Rifiuta di mettere il braccialetto elettronico: trans torna a Montacuto. Le manette sono state fatte scattare ieri dai carabinieri della stazione di Montemarciano che  hanno dato esecuzione a un provvedimento della custodia cautelare in carcere arrestando un 38enne brasiliano sottoposto ai domiciliari in attesa di essere processato per il reato di rapina aggravata in concorso commessa nei confronti di un cliente che l’aveva rifiutato. A fine gennaio, il 38enne è stato trasportato d’urgenza al pronto soccorso per atti autolesionistici. Dopo il protocollo sanitario e le dimissioni era tornato a casa. Qui aveva rifiutato di indossare il braccialetto elettronico.  La violazione alla prescrizione è stata segnalata dai carabinieri di Montemarciano al tribunale di Ancona che ha revocato la misura degli arresti domiciliari disponendo la custodia in carcere. Ieri sera il trasferimento a Montacuto.

Aveva rapinato e pestato il cliente che l’aveva rifiutato: trans a processo

Rifiuta il transessuale che aveva abbordato in strada pensando fosse una donna: rapinato e pestato

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X