facebook rss

Ipotesi nuova rotatoria a Torrette nel 2020,
costo stimato di 700mila euro

ANCONA – Il progetto, inserito nel programma delle opere pubbliche 2019/2021, è solo in fase di valutazione e non è stato ancora stilato il piano di fattibilità tecnico-economica, ma ha già scatenato polemiche. Il consigliere Berardinelli (Fi): «Dannosa ed inutile». Replica l'assessore Manarini: «Che dati oggettivi possiede per dire se è funzionale o meno?»
mercoledì 6 Febbraio 2019 - Ore 19:35
Print Friendly, PDF & Email

 

È bastata una semplice ipotesi per scatenare l’ennesima polemica sulla viabilità di Torrette, cronicamente congestionata dal traffico e spesso causa di incidenti stradali. Oggi, in Commissione bilancio, si è discusso, tra le altre cose, del Piano delle opere pubbliche 2019/2021, all’interno del quale compare pure una nuova rotatoria all’incrocio tra via Metauro e via Conca, da realizzare eventualmente nel 2020 – e dal costo stimato di 700 mila euro -, anche per agevolare il transito verso l’ospedale Un’ipotesi, si diceva, perché come spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Paolo Manarini, «non è ancora stato stilato neanche il piano di fattibilità tecnico-economica. Stiamo facendo per ora delle valutazioni di tipo ingegneristico che attestano la possibilità di una sua realizzazione da un punto di vista della viabilità, per agevolare il traffico, ma prima di concretizzare il progetto bisogna fare uno studio costi-benefici. Non c’è niente di certo». Nonostante sia per ora solo sulla carta, la rotatoria ha già scatenato polemiche, con il consigliere comunale Daniele Berardinelli (Fi) pronto a scendere sul piede di guerra: «Dopo la prima rotonda in forte pendenza, che ha causato già incidenti, e quella del Mc Donald’s che ha portato disagi e pericoli per automobilisti e pedoni. Ora se ne sta progettando un’altra in corrispondenza dell’ingresso dell’ospedale riservato alle ambulanze. Sarebbe studiata per agevolare il traffico verso via Metauro e il parcheggio esterno dell’ospedale. E allora delle due, l’una – puntualizza Berardinelli –: o sarà un’opera molto costosa ma totalmente inutile o, se gli automobilisti la useranno frequentemente, dovranno obbligatoriamente tagliare il flusso di auto e tir dalla Flaminia verso la Superstrada, bloccandolo gli automobilisti in lunghe file e i camionisti in difficoltose ripartenze, con un aumento esponenziale di smog e polveri sottili. Sarà un’opera dannosa ed inutile per il quartiere». A stretto giro arriva la replica di Manarini: «Che studi ha fatto il consigliere per dire se la rotatoria è utile e funzionale oppure no? Le parole vanno supportate da dati, altrimenti sono inutili. Il piano di fattibilità tecnico-economica non è ancora stato fatto, quindi è presto per fare valutazioni. L’opera ci è stata proposta durante un tavolo e uno studio sulla viabilità interna condotto dall’ospedale l’ha valutata come utile. Ora però dobbiamo fare tutte le dovute verifiche prima di decidere se dia fattibile».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X