facebook rss

Gaffe sui romani, Pieroni contrattacca:
«Cinquestelle ipocriti indignati»

L'ASSESSORE REGIONALE replica ai consiglieri del Movimento che avevano chiesto le sue dimissioni
venerdì 1 Marzo 2019 - Ore 17:58
Print Friendly, PDF & Email

Moreno Pieroni

 

«Ecco la catena di Sant’Antonio: i nostrani cinquestelle si accodano, ipocritamente indignati, ai loro colleghi romani non avendo altri argomenti a cui rivolgere la loro attenzione». Così Moreno Pieroni, assessore regionale al Turismo, replica ai consiglieri marchigiani del Movimento 5 stelle che avevano chiesto le sue dimissioni dopo la gaffe sui romani in diretta tv. Pieroni infatti, durante un dibattito sui fondi Ue per il sisma, si era rivolto a Francesco Pastorella dei comitati dei terremotati con queste parole: «Abituati ad essere educato, non fare il romano, perché sei nelle Marche». Una frase che aveva offeso il Campidoglio e per cui i pentastellati avevano chiesto al governatore Ceriscioli di togliere le deleghe al suo assessore. «Suggerisco allora di applicare il principio di coerenza prima di sputare sentenze – replica ora Pieroni – i cinquestelle non si indignano così tanto per le offese rivolte dai loro alleati di governo a giovani donne con insulti sessisti, non lanciano strali moralistici in occasione di atti di vero e proprio razzismo, derogano ad ogni principio di etica interna prima sbandierato a colpi di ‘vaffa’ e poi se si tocca un esponente del Movimento senza alcun intento ingiurioso o offensivo lanciano denunce senza senso. I cinquestelle come al solito hanno la memoria corta o lunga a seconda di come fa comodo per mantenersi in bilico tra potere e principi: o è colpa dei precedenti governi e lì hanno la memoria lunga o invece cortissima quando dimenticano le macchine del fango a colpi di fake news messe in atto nei confronti di avversari politici. Da secoli i romani dicono “meglio un morto in casa che un marchigiano alla porta” perché considerati i gabellieri del Papa e non ci siamo mai sognati di offenderci. Ma tengo a ribadire che non c’era e non ci sarà mai nessuna intenzione calunniosa nei confronti dei romani, ma solo una parola sfuggita per enfasi del momento e della situazione televisiva». Insomma Pieroni non ha nessuna intenzione di dimettersi per la gaffe.

Gaffe sui romani in tv, il M5S: «Pieroni deve dimettersi»

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X