facebook rss

Osimo più sicura:
spycam all’ex Foro boario,
a Casenuove e all’Aspio

ACCESE stamattina le nuove telecamere installate in luoghi strategici come il Palasangria ed i giardini di Piazza Giovanni XXIII. La prossima settimana saranno attivati gli impianti di videosorveglianza davanti alla scuola di Casenuove, a San Paterniano nel centro frazione, in Via Montegalluccio all'incrocio con Via Bellafiora ed a San Sabino in area scolastica
Print Friendly, PDF & Email

Le nuove telecamere accese all’Aspio di Osimo

Le telecamere accese sui giardini dell’ex Foro boario dove sono avvenuti fatti di cronaca e dove sono stati soccorsi nei mesi scorsi anche tossicodipendenti in overdose

 

Accese stamattina, 1 Maggio, le nuove telecamere di sicurezza sui giardini dell’ex Foro boario di Piazza Giovanni XXIII e nelle frazioni di Casenuove e Aspio. «Da oggi la nostra citta’ è ancora piu’ sicura» commenta il sindaco uscente Simone Pugnaloni (Pd), in corsa per il secondo mandagto con il sostegno anche delle liste ‘Energia Nuova, OsiAmo, Ecologia e Futuro e Popolari Uniti per Osimo.«Abbiamo attivato altre telecamere in luoghi strategici come il Palasangria a Casenuove, Piazza Giovanni XXIII e l’area dell’Aspio. A seguire la prossima settimana installeremo altre spycam davanti la scuola di Casenuove, a San Paterniano nel centro frazione, in Via Montegalluccio all’incrocio con Via Bellafiora ed a San Sabino in area scolastica. La nostra Osimo è una città senza periferia ed è ormai è controllata dal centro alle frazioni nei luoghi piu significativi». Un investimento di 150 mila euro in parte finanziato con il progetto sicurezza del patto firmato in prefettura con altri Comuni della provincia di Ancona.

La nuova telecanmera accesa a Casenuove

Nuove telecamere, Mariani e Alessandrini: “Non bastano per la sicurezza”

Rivista la ‘mappa’ delle spycam: nuove telecamere a San Biagio e Campocavallo

Videosorveglianza, 1,3 milioni nelle Marche: 22.570 euro per la provincia di Ancona

Vandali a Piazza Nuova: le spycam non funzionano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X