facebook rss

Lotta all’evasione e alle frodi fiscali,
la Finanza festeggia 245 anni (FOTO)

ANCONA - Nel pomeriggio, nella sala d'onore del comando regionale, le celebrazioni per l'anniversario della nascita del corpo. Il generale Toscano: «Vogliamo continuare a porci a servizio della collettività a presidio di un’economia sana, contrastando i fenomeni illeciti»
Print Friendly, PDF & Email

 

Il generale Toscano

 

Sono stati circa 36mila gli interventi ispettivi conclusi dai reparti del comando regionale della Guardia di Finanza tra il gennaio del 2018 e il maggio del 2019. Oltre 2mila, invece, sono state le indagini portate avanti nello stesso periodo. Cifre, queste, che danno il senso dell’intensificazione delle attività intraprese dalle fiamme gialle contro i più gravi fenomeni di illegalità economico-finanziaria. I numeri sono emersi questo pomeriggio durante la festa per celebrare il 245esimo anniversario della fondazione del corpo della Guardia di Finanza. La cerimonia, tenutasi nella sala d’onore del comando regionale di Ancona e presieduta dal generale di brigata Fabrizio Toscano, è stata l’occasione per il bilancio delle operazioni eseguite tra il 2018 e maggio 2019 e per premiare con gli encomi i militari che si sono distinti nelle operazioni coordinate dalle procure. Nel periodo preso in esame, le fiamme gialle hanno riscontrato 645 reati fiscali (principalmente, emissione e utilizzo di fatture false, dichiarazioni fraudolente e occultamento delle scritture contabili) e denunciati 687 soggetti. Ammontano a circa 600 le indagini delegate dalla magistratura per quanto riguarda l’ambito prettamente fiscale. Le misure patrimoniali eseguite sono pari a circa 42 milioni di euro, mentre sono state 26 le persone arrestate nelle Marche. Nel contrasto all’economia sommersa sono stati individuati 572 evasori fiscali che, in totale, non hanno dichiarato Iva per 170 milioni di euro. Inchieste anche sul fronte dello sfruttamento della manodopera.

La platea della cerimonia

Sono stati verbalizzati 157 datori di lavoro per aver impiegato 458 lavoratori in “nero” o irregolari. Ammontano complessivamente a 124 gli interventi nel settore delle accise, che hanno portato al sequestro di oltre 55 tonnellate di prodotti energetici oggetto di frode. Nel settore dei giochi e delle scommesse illegali, i controlli eseguiti sono stati 303 con 30 violazioni rilevate. I 39 interventi a contrasto del contrabbando e delle frodi doganali hanno portato al sequestro di oltre 5 tonnellate di tabacchi lavorati esteri e di 12 mezzi. Per quanto riguarda gli illeciti commessi nel settore della tutela della spesa pubblica, sono stati 1800 gli interventi eseguiti. Le frodi scoperte sono state pari a oltre 1,7 milioni di euro, mentre si attestano intorno a 650 mila quelle nel comparto della spesa previdenziale, assistenziale e sanitaria, con un numero di persone denunciate complessivamente pari a 45. Sul fronte appalti, il valore delle procedure contrattuali risultate irregolari è stato pari a circa 50 milioni di euro. Oltre 150 le persone denunciate. Nell’ambito del contrasto alla criminalità economico-finanziaria, in applicazione della normativa antimafia, i sequestri e le confische operati dai militari del Gico su beni mobili, immobili, aziende, quote societarie e disponibilità finanziarie ammontano rispettivamente ad oltre 7 e 14 milioni di euro. Per quanto riguarda il riciclaggio e l’autoriciclaggio, sono stati sequestrati 2 milioni di euro e denunciate 124 persone. Con particolare riguardo al campo dei reati fallimentari sono state accertate avvenute distrazioni di patrimoni per oltre 130 milioni di euro. In tema di sicurezza prodotti, di contrasto alla contraffazione e al falso made in Italy e di lotta all’illecito sfruttamento economico delle opere protette dal diritto d’autore, i militari  hanno eseguito 430 interventi e sequestrato circa 10 milioni di prodotti industriali contraffatti.  L’attività di controllo del territorio e la lotta allo spaccio: ammontano a 308 chilogrammi le sostanze stupefacenti sequestrate tra il gennaio del 2018 e il maggio del 2019, di cui 282 chilogrammi tra hashish e marijuana e 26 chilogrammi di cocaina e eroina.

Gli encomi

 

I militari premiati. ENCOMIO agli appartenenti al nucleo di polizia economico-finanziaria per il recupero a tassazione ai fini delle imposte dirette di una base imponibile di oltre 70 milioni euro:
– Colonnello t.ST Massimiliano DI LUCIA
– Maggiore Rodolfo MINERVA
– Luogotenente carica speciale Marcello Nicola CAVALIERE
– Maresciallo Aiutante Andrea TORRIERO
– Maresciallo Ordinario Mario RAFFIO

 

ENCOMIO agli appartenenti al nucleo di polizia economico-finanziaria per aver eseguito una complessa operazione nel settore della contraffazione dei marchi d’abbigliamento: 

– Tenente Colonnello Massimiliano BOLOGNESE
– Luogotenente carica speciale Lanfranco DI LELLA
– Luogotenente carica speciale Achille MAREMONTI
– Maresciallo Ordinario Mario Rosario SABBIA
– Finanziere Scelto Annabella CERCHIA

ENCOMIO AL
– Maresciallo Aiutante mare Giovanni BAIANO per aver, libero dal servizio, soccorso un cittadino aggredito da due rapinatori.

ENCOMIO AL gruppo esecutore, al porto dorico, di un sequestro di 8 tonnellate di marijuana rinvenute su un tir:
– Tenente Colonnello Francesco SALVO
– Capitano Alessandro MARGOTTINI
– Luogotenente Alessandro PATTI
– Brigadiere Capo Michele PALUMBO
– Vicebrigadiere Stefano TANASI
– Appuntato Scelto qualifica speciale Giovanni STANZIONE

ENCOMIO agli appartenenti al nucleo di polizia economico-finanziaria per aver sequestrato capitali per 2 milioni di euro riconducibili a un soggetto appartenente a una cosca mafiosa:
– Tenente Colonnello Claudio DI LUCA
– Luogotenente carica speciale Roberto CANTALAMESSA
– Luogotenente Nicola RASOLA
– Maresciallo Aiutante Giampaolo FERMANELLI

 

ENCOMIO agli appartenenti a una stazione navale, intervenuti a soccorso di un diportista colpito da infarto: 
– Maresciallo Aiutante mare Giampiero PICARO
– Maresciallo Capo mare Andrea PICCIARELLI
– Maresciallo Capo mare Fabio CAMERINO
– Appuntato Scelto mare qualifica speciale Francesco CANTILENO
– Appuntato Scelto mare qualifica speciale Davide FEDELE

 ENCOMIO ai militari per aver eseguito l’arresto di un pusher su cui pendeva un ordine di carcerazione: 
– Luogotenente carica speciale Francesco CAVUOTO
– Luogotenente Antonio CAFORIO
– Maresciallo Aiutante Francesco RIZZI
– Appuntato Scelto qualifica speciale Alberto VILLANI

(foto di Giusy Marinelli)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X